Torino avanza verso il nuovo Stadio Delle Alpi | Edilone.it

Torino avanza verso il nuovo Stadio Delle Alpi

wpid-StadioDelleAlpi.jpg
image_pdf

Potrebbe essere il nuovo Delle Alpi di Torino il primo stadio italiano da costruire secondo gli standard europei. Dal cda della Juventus, è stato presentato il 5 febbraio al Comune il nuovo progetto da 120 milioni di euro per rifare il Delle Alpi. Il progetto, oltre ad alcune condizioni finanziarie, è legato all’organizzazione da parte dell’Italia degli Europei 2012 e prevede l’abbattimento dell’attuale impianto (costruito per i Mondiali del 1990) per procedere alla costruzione di uno nuovo di zecca da 42mila posti, senza pista di atletica, con decine di optional: negozi, palestre, bar, ristoranti con vista sul prato, uffici, sale convegno e aree esterne per centri commerciali.
Il nuovo concetto cui la struttura risponderà è così riassunta dall’ad bianconero Jean-Claude Blanc: «Si tratta di una novità assoluta per l’Italia, uno stadio concepito come luogo di intrattenimento ‘sicuro per le famiglie’, in grado di ‘vivere’ sette giorni alla settimana e adeguato a ospitare grandi eventi internazionali». Concetto ribadito anche dal presidente Giovanni Cobolli Gigli.

Il nuovo Delle Alpi nascerà dai disegni dell’ingegnere Massimo Majoviecki e dal coordinamento per la progettazione dall’architetto Gino Zavanella. La struttura dello stadio, secondo le piante contenute negli allegati del progetto, consegnato a Giunta e Consiglio comunale, è quasi rettangolare, circondata da due semi-ellissi che ospiteranno attività commerciali, ristoranti e bar; le tribune prevedono l’accesso a mezzo di specifiche passerelle inserite nei diversi settori dello stadio. Il progetto prevede 37.000 metri quadrati per lo stadio, 12.000 per le attività commerciali e 5.000 a disposizione per gli uffici. Della vecchia struttura, dovrebbero restare in piedi solo i grandi piloni, ora alle spalle delle curve; anche nei pressi dello stadio sono previsti interventi edilizi radicali che andranno ad interessare la viabilità ed i parcheggi da condividere tra lo stadio ed i centri commerciali di cui è prevista la costruzione.

La prossima tappa dell’avviato iter verso l’approvazione del nuovo Delle Alpi sarà lunedì 12 febbraio, giorno in cui è atteso il via libera del consiglio comunale, affinché tre giorni dopo, il 15 febbraio, la Federcalcio possa consegnare il dossier alla Uefa. Fra le condizioni poste dal cda della Juventus, figura anche ‘l’approvazione e la ratifica del relativo protocollo d’intesa da parte della città di Torino. E dell’ottenimento da parte dello Stato e della Figc di garanzie di agevolazioni al credito per il finanziamento’. Intascate queste assicurazioni, la Juve potrà ‘firmare tutti i documenti contrattuali necessari per la candidatura a Euro 2012, tra cui il protocollo d’intesa con la Figc e gli accordi con la Uefa’.

Se tutto procederà senza intoppi, il nuovo impianto dovrà essere ultimato nel 2010. In caso contrario, sarà affrontata una ristrutturazione del vecchio stadio (di circa 20milioni di euro) Delle Alpi di Torino.

Copyright © - Riproduzione riservata
Torino avanza verso il nuovo Stadio Delle Alpi Edilone.it