Terremoto ad Haiti: in moto il Sistema Paese | Edilone.it

Terremoto ad Haiti: in moto il Sistema Paese

wpid-3976_cztrk.jpg
image_pdf

Ieri il Consiglio dei Ministri ha deliberato subito la dichiarazione di stato d’emergenza per predisporre e partecipare con tempestività agli interventi di aiuto alla Repubblica di Haiti.
La macchina del Sistema Paese si è immediatamente messa in moto e ha visto coordinarsi la direzione generale per la Cooperazione allo Sviluppo (Dgcs) della Farnesina, il Dipartimento della Protezione Civile, la Difesa e la Croce Rossa italiana (Cri).
Dopo diverse riunioni sono stati organizzati in tempi record tre voli umanitari.
Un team tecnico di valutazione composto da funzionari del Dipartimento della Protezione Civile della Croce Rossa italiana e dell’Esercito è decollato ieri sera dall’aeroporto di Ciampino, base del 31/o Stormo dell’Aeronautica, a bordo di un  Falcon.
L’advanced team italiano, che giungerà nell’isola dopo 15 ore di viaggio, ha il compito di verificare le condizioni logistiche e di sicurezza ad Haiti per predisporre le infrastrutture minime per l’arrivo del grosso degli aiuti ed evitare, anche fenomeni di sciacallaggio. Nel caso non fosse possibile approntare la base in loco, questa verrebbe dislocata a Santo Domingo, da dove gli aiuti si sposterebbero tramite pullman nelle aree colpite dal disastro.

 Oggi, un C 130 partirà da Pisa, con un Posto Medico Avanzato – PMA, materiale medico e personale specialistico, mentre da Roma (Fiumicino) partiranno alla volta della Capitale Haitiana, 15 medici specialisti, con un volo di Linea. Nel PMA opereranno venti volontari del Gruppo di chirurgia d’urgenza (Gcu) di Pisa, unità specializzata in interventi di protezione civile che ha già alle spalle diverse missioni in Italia e all’estero, l’ultima delle quali nello Sri Lanka per lo tsunami.

Il Ministero degli Affari Esteri invierà inoltre un aero carico di “non food  items”. Si tratterà di generatori elettrici, coperte, utensili da cucina, teli in plastica e contenitori per l’acqua potabile. La Farnesina, tramite la Cooperazione allo Sviluppo, ha stanziato un milione di euro a favore delle agenzie internazionali che operano sul terreno: 500 mila euro al Programma Alimentare Mondiale – PAM per andare incontro ai bisogni alimentari d’urgenza, ed altri 500 mila a favore del programma d’emergenza che la Federazione Internazionale delle Croci Rosse e delle Mezze Lune Rosse sta predisponendo per l’assistenza sanitaria.

Aiuti, intanto, sono stati stanziati anche dai vescovi italiani: due milioni di euro, dai fondi dell’8 per mille, per far fronte alle prime emergenze.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Terremoto ad Haiti: in moto il Sistema Paese Edilone.it