Rilancio del Quattro cilindri: storica sede Bmw di Monaco | Edilone.it

Rilancio del Quattro cilindri: storica sede Bmw di Monaco

wpid-Bmw.jpg
image_pdf

Una storica architettura tornerà a risplendere: dopo circa 28 mesi di ristrutturazione. Il quartier generale del BMW Group a Monaco, il famoso “Quattro Cilindri”, comprendente il Museo BMW, sta per riaprire i battenti. L’originale sede del Museo BMW sarà riaperta nell’estate del 2007 con nuove idee e spazi aggiuntivi. Dall’aprile 2004, l’intero edificio di 22 piani e la bassa costruzione che ospita l’esposizione sono stati sottoposti a lavori di modifica previsti da un progetto d’ottimizzazione senza eguali, che ha costretto tutti i 1.500 dipendenti a lavorare in costruzioni limitrofe.

Del complesso amministrativo dall’audace design elaborato nel 1973 dal professore d’architettura austriaco Karl Schwanzer, negli ultimi anni, solo le norme anti-incendio hanno subito radicali modifiche. Dichiarata monumento nel 1999 e caratterizzata da una modernità senza tempo, le mutate esigenze tecniche a distanza di 30 anni hanno reso necessario demolire e ricostruire completamente il suo interno.

Il piano generale di rinnovamento è stato inaugurato dal noto studio d’architettura di Amburgo dell’ASP Schweger Assoziierte Gesamtplanung GmbH, che ha elaborato un progetto finalizzato all’ottimizzazione dell’impiego di risorse ed energia, all’ammodernamento nel rispetto del carattere dell’edificio.
All’esterno, la facciata è rimasta invariata. Protetta da un’ordinanza di conservazione (costruita in brillanti elementi argentati in alluminio prodotti ad Osaka), ha subito soltanto un lavoro di pulizia. L’interno, invece, è stato radicalmente rinnovato: l’aria condizionata e tutti i componenti elettrici scorrono adesso sotto la superficie dei soffitti e dei pavimenti.

La ristrutturazione ha interessato 330.000 metri cubi di volume per una superficie calpestabile di 53.000 metri quadri, producendo 14.000 tonnellate di materiali che sono stati dismessi nel rispetto delle disposizioni in materia ambientale grazie ad un apposito ufficio per la tutela ambientale.

Per il lavori di ottimizzazione del “Quattro Cilindri” è stata costruita un’apposita unità di produzione e sviluppato uno speciale robot saldatore per questo compito. Una gru di 158 metri ha collocato i pezzi individuali fino ai 99,5 metri del tetto. Tutte le 2.302 finestre del quartier generale del BMW Group nella BMW Tower sono state sostituite ed ogni terza finestra di ogni piano può essere aperta automaticamente, seguendo schermi, che reagiscono in base alle condizioni di luminosità esterne, controllati elettronicamente da un “yearly shade program”, un’innovazione sviluppata appositamente dal BMW Group così come molti altri componenti di questa ristrutturazione.

Mantenuta la disposizione dei locali interni in stanze circolari con brevi distanze tra i posti di lavoro, caratteristica del progetto originario di Schwanzer, così come il principio degli uffici open space, pur ottimizzando le operazioni di lavoro.

Il BMW Group ha impiegato un totale di 130 aziende durante i 28 mesi del progetto di ristrutturazione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rilancio del Quattro cilindri: storica sede Bmw di Monaco Edilone.it