New York: consegnato il New Museum of Contemporary Art | Edilone.it

New York: consegnato il New Museum of Contemporary Art

wpid-NMuseumContemporaryArts.jpg
image_pdf

Con l’inaugurazione da parte del sindaco Michael Bloomberg, avvenuta lo scorso 1 dicembre davanti a celebrità del mondo del cinema e dell’arte, è stata inaugurata la nuova sede del New Museum of Contemporary Art. Il museo fondato nel 1977 era precedentemente situato nella zona di SoHo. Primo ed unico museo di arte contemporanea di New York City, mai attributo fu più indovinato per definire un museo quanto “New” per questa istituzione, che è il cuore pulsante dell’avanguardia artistica contemporanea mondiale.

Il nuovo edificio è una pila di sei blocchi luccicanti che con i suoi 5.574 mq si inserisce nella zona di Bowery. Progettato da Sejima e Nishizawa, il New Museum si presta a diventare nuova casa per l’arte contemporanea americana ed internazionale ed incubatore di nuove idee con particolare enfasi all’innovazione su una variegata varietà di media.

Oltre agli spazi espositivi, gli interni accolgono un teatro con 180 poltrone, un caffè, una serie di aule didattiche, una libreria, un centro multimediale, un centro di formazione, terrazze panoramiche mozzafiato. Al pianterreno, la “Marcia Tucker Hall” in onore della fondatrice.

La nuova sede sorge nel quartiere più hip del momento a New York, il Lower East Side. L’edificio è stato progettato dallo studio giapponese Sejima+Nishizawa/ SANAA. Tra i giovani curatori della sede c’è Massimiliano Gioni divenuto direttore delle “Special Exhibitions”. La mostra di apertura “Un-monumental” si concentra su lavori recenti, così come si legge sul comunicato stampa “internazionali ed anti eroici”. La prima parte dell’esposizione, “the Object in the 21st century” è stata inagurata in contemporanea con il museo, il primo dicembre. Si tratta di una grande mostra di installazioni multimediali. La seconda, “Collage: the Unmonumental Picture”, di cui Electa cura il catalogo, sarà concentrata sui collage e il fotomontaggio. La terza invece, in apertura il 13 febbraio, “the Sound of Things: Unmonumental Audio” ha il proprio focus su musica e suoni. L’ultima, organizzata da Rhizome, è “Montage: the Un-monumental On-line” ed espone sul web opere di Net.Art che si focalizzano sul montaggio multimediale.

Per la Bowery, da sempre considerata una zona gravemente malfamata, il New Museum rappresenta un riscatto architettonico, sociale, culturale ed umano. Infatti, la sgargiante costruzione, brulicante di eventi e persone, rivaluterebbe Downtown Manhattan e sulla sua scia culturale, potrebbero nascere, nelle vicinanze, altre realtà importanti.

New Museum
235 Bowery
http://www.newmuseum.org

Copyright © - Riproduzione riservata
New York: consegnato il New Museum of Contemporary Art Edilone.it