Il liceo piu' antico dell'Alto Adige e' anche il piu' innovativo | Edilone.it

Il liceo piu’ antico dell’Alto Adige e’ anche il piu’ innovativo

wpid-12424_BedaWeber.jpg
image_pdf

Il Liceo Classico in lingua tedesca “Beda Weber”, oltre a essere l’Istituto scolastico più antico dell’Alto Adige, è da poco anche l’edificio più innovativo, grazie al nuovo ampliamento commissionato dalla Provincia autonoma di Bolzano. Fondato nel 1724, il “Beda Weber” ha in tempi recenti quasi raddoppiato il numero di studenti ospitati, in seguito all’annessione del Liceo linguistico allo storico Classico. La necessità di nuovi spazi, in grado di determinare condizioni di apprendimento ottimali, si è tradotta in un volume unitario che tenesse conto della differente identità dei due edifici e le reinterpretasse sotto forma di “variazione sul tema”, mentre l’ampliamento traduce il dialogo tra la vecchia e la nuova struttura tramite una galleria di collegamento.

Firmato dagli architetti Unterberger e Palla, il progetto riguarda la realizzazione di un nuovo edificio scolastico adiacente alla struttura già esistente che attualmente ospita l’Istituto Tecnico Industriale. A questa fase ormai conclusa, già in uso dall’anno scolastico 2011/2012, ne segue una seconda che prevede invece la ristrutturazione dell’istituto tecnico. La cubatura complessiva della nuova struttura raggiunge i 20.722 m3, articolati su quattro piani e 3 livelli interrati. Oltre alle nuove aule per le lezioni, sono state realizzate anche alcune classi di sostegno, un’aula magna, una sala polifunzionale, una palestra interrata doppia, oltre alla galleria di collegamento.

Per l’involucro esterno sono stati impiegati materiali tradizionali come il calcestruzzo insieme ad altri elementi più moderni, come il vetro e il fibrocemento, in un gioco di trasparenze e riflessi che si fonde in maniera armoniosa con la cultura e la natura del territorio.

La stratificazione sia orizzontale che verticale dei volumi presenta inoltre un carattere innovativo con cifre stilistiche di rilievo tecnologico. Le forme sobrie e rigorose lasciano spazio ad ampie vetrate continue, che permettono di trasformare la luce in elemento architettonico e di evitare che gli ambienti si caratterizzino come anonimi e di conseguenza socialmente debilitanti.

 

V.R.

 

 

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il liceo piu’ antico dell’Alto Adige e’ anche il piu’ innovativo Edilone.it