Il Cantiere diventa industriale | Edilone.it

Il Cantiere diventa industriale

wpid-20794_blocchibravobloc.jpg
image_pdf

La risposta delle imprese alla crisi che ha colpito l’edilizia è stata duplice: da una parte si collocando le imprese che hanno ridotto la qualità dei propri cantieri per poter mantenere invariati i margini di guadagno in un mercato diventato difficile, dall’altra ci sono quelle realtà che hanno cominciato a ripensare il ruolo stesso dell’imprenditore edile, puntando sull’efficienza del cantiere e delle soluzioni costruttive senza penalizzare la qualità del costruito, anzi, in alcuni casi, spostando verso l’alto l’asticella delle soluzioni progettuali e costruttive.

Sono queste le imprese che sicuramente guardano con interesse a tutte le innovazioni di prodotto e processo che si affacciano al mercato e altrettanto sicuramente troveranno spunti di interesse nella nuova offerta del gruppo Italcementi per il mercato delle costruzioni: Bravobloc è un sistema completo per la realizzazione di murature portanti, pareti di tamponamento e solai messo a punto per aiutare le imprese a risparmiare tempo, costi e per aumentarne l’efficienza operativa (più cantieri in meno tempo).

Tre sono le linee di prodotto che compongono  il sistema: la Linea Tamponamento (19 tipologie di blocco), la Linea Solai e  la Linea Evolution. Con queste gamme, il gruppo Italcementi entra con decisione nel competitivo mondo dei blocchi per costruzioni e lo fa con una marcia in più rispetto alla maggior parte dei competitor attivi sul mercato. E’ sulla flessibilità applicativa, garantita da una gamma di elementi davvero notevole, che puntano i tecnici Italcementi, flessibilità che si concreta in una semplicità di posa davvero notevole soprattutto se confrontata con i tradizionali metodi della tradizione costruttiva italiana.


:: Parete perimetriale esterna: soluzione rivestimento pilastro angolare ::

I blocchi che compongono il sistema sono realizzati, in collaborazione con Sacme, in calcestruzzo alleggerito dall’inserimento in pasta (per circa 1/3 del totale) di perle in grafite Neostir che ne esalta le caratteristiche termiche, acustiche, di resistenza al fuoco e di leggerezza.

Le prestazioni termiche (e acustiche) sono ulteriormente migliorate dall’inserto in EPS a cellule aperte reso monolitico con la struttura il calcestruzzo del blocco da interessanti incastri a coda di rondine che ne permettono la perfetta coesione con il mix cementizio.

Innovativa poi la Linea di termoblocchi portanti Evolution che consente di bypassare le lunghe e onerose fasi di armatura e disarmo dei muri, riducendo drasticamente i tempi di lavoro e risparmiando sui costi dei casseri in legno o in ferro. La conformazione di questi blocchi, che genera una camera d’aria, fa lavorare la parete come se fosse una struttura ventilata, eliminando i fenomeni di condensa che provocano abitualmente umidità e muffe all’interno di un’abitazione.

Nello stesso spazio vuoto che funge da camera d’aria si possono vantaggiosamente alloggiare gli impianti elettrici, riducendo le lavorazioni che usualmente sono necessarie per realizzare scanalature e tracce su pareti in laterizio o su soluzioni di blocchi tradizionali.


:: Parete perimetrale esterna: soluzione per solaio interpiano ::

La modularità dei blocchi inoltre ha diversi, positivi, impatti sull’efficienza di cantiere: si riducono innanzitutto gli stock di materiali da tenere sul sito (è possibile prevedere con precisione quantità e tipologia dei blocchi da impiegare, anche a livello giornaliero), i costi di posa si riducono (meno operazioni e meno attrezzature necessarie), si elimina l’esigenza di eseguire cappotti (le caratteristiche tecniche di isolamento dei blocchi, consentono di raggiungere i valori necessari con la sola rasatura).

Il cantiere diventa più efficiente e quindi più remunerativo, anche in tempi di crisi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il Cantiere diventa industriale Edilone.it