A Bologna parte Expotunnel, per fare un punto su infrastrutture e sottosuolo | Edilone.it

A Bologna parte Expotunnel, per fare un punto su infrastrutture e sottosuolo

wpid-18847_tunnel.jpg
image_pdf

Investimenti e grandi opere in Italia e nel mondo”: è questo il tema della tavola rotonda che inaugura oggi 17 ottobre la prima edizione di Expotunnel, il Salone delle tecnologie per il sottosuolo, in programma a Bologna Fiere fino al 19 ottobre 2013. Concepito come primo salone interamente dedicato alle tecnologie e alla divulgazione della “cultura del sottosuolo”, l’evento punta da un lato a fotografare i già avviati progetti di internazionalizzazione nel settore, e dall’altro a stimolare ulteriori sviluppi per il mercato italiano all’estero. Non solo tunnel in senso stretto, quindi: la manifestazione bolognese indagherà le reti di infrastrutture presenti sotto la superficie della terra, i sistemi per energia e telecomunicazioni, trattamento delle acque, energie rinnovabili, fondazioni speciali, sistemi fognari e di contenimento del suolo.

Con la tavola rotonda si fa un focus sulle prospettive economiche per le infrastrutture alla luce di dati attuali. Secondo i dati Istat del 19 settembre 2013, in Italia da gennaio a giugno 2013, nella media dei primi sette mesi dell’anno, la produzione si è ridotta dell’11,7% rispetto allo stesso periodo del 2012, sebbene nella media del trimestre maggio-luglio 2013 l’indice abbia registrato un aumento dell’1,4% rispetto al trimestre precedente. È una situazione in controtendenza rispetto all’Europa, dove i dati Eurostat hanno certificato nel mese di luglio 2013 il lieve aumento congiunturale (0,3%) per la produzione edilizia nell’Eurozona, che diventa 0,7% negli Stati dell’Unione. Il tutto da raffrontare con un calo più contenuto nella produzione nelle costruzioni: sempre a luglio 2013 pari a -1,2% nei paesi dell’Eurozona e -1,1% nei 28 Stati dell’Unione, rispetto allo stesso mese del 2012. In questo senso appare centrale nel programma di interventi la presenza, in forma di video-messaggio in apertura di tavola rotonda, del prof. Carlo Secchi, Coordinatore Europeo dei Progetti Prioritari PP3 – PP19 (Ten –T Trans European Transport Network), che affronterà il presente e il futuro delle reti transeuropee di trasporto.

Sono molti nei tre giorni di manifestazione gli appuntamenti di rilevanza all’interno del programma, come ad esempio, il congresso internazionale della Società Italiana Gallerie, dedicato al tema “Gallerie e spazio sotterraneo nello sviluppo dell’Europa”; il workshop “Infrastrutture e Paesaggio”, a cura del Dipartimento di Architettura e del Dipartimento di ingegneria civile ambientale e dei materiali (Dicam) e infine “Le tecnologie trenchless al servizio delle opere in sotterraneo: nuove frontiere tecnologiche, ricerca e sicurezza”, a cura di Iatt – International Association of Trenchless Technologies, per raccontare case history, approfondimento su progettazione, rapporti con gli enti pubblici, gestione delle gare, scenari europei dei finanziamenti.

Per maggiori informazioni, visitare il sito della manifestazione.

Copyright © - Riproduzione riservata
A Bologna parte Expotunnel, per fare un punto su infrastrutture e sottosuolo Edilone.it