Manutenzione in sicurezza dei pannelli fotovoltaici | Edilone.it

Manutenzione in sicurezza dei pannelli fotovoltaici

wpid-4167_paggrande.jpg
image_pdf

I sistemi anticaduta rappresentano la garanzia di lavorare in sicurezza per gli operatori in quota. Ad oggi, in un mercato sempre più attento all’utilizzo di sistemi energetici basati sulle fonti rinnovabili e caratterizzato da crescenti richieste di installazione di pannelli fotovoltaici, è fondamentale dotare la copertura di linee vita, rendendo sicure le attività di montaggio e successiva pulizia o manutenzione dell’impianto.

Qualsiasi intervento di manutenzione in copertura, infatti, deve essere eseguito, come indicato dal Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/2008), in condizioni di assoluta sicurezza. Ne consegue l’importanza della scelta di sistemi anticaduta permanenti, idonei a proteggere in ogni momento gli accessi al tetto.

Ne parliamo con Giampiero Morandi, amministratore unico di Sicurpal srl, azienda modenese che si occupa di produzione e montaggio di Linee Vita dal 1997. “Alla luce delle esigenze del mercato – afferma Morandi – Sicurpal sta investendo su Linee di Vita a binario rigido a norma UNI EN 795 in classe D. Riteniamo si tratti della soluzione attualmente più efficace per rendere sicure le installazioni di pannelli fotovoltaici o solari, grazie soprattutto alla sua capacità di integrarsi perfettamente alla struttura dell’impianto con un bassissimo impatto visivo”.

Quali i punti di forza della Linea Vita rigida in classe D?

I punti di forza che rendono questo sistema particolarmente interessante sono molteplici – spiega Morandi – e possono essere riassunti in alcuni aspetti fondamentali:

Bassissimo impatto visivo. Le ridotte dimensioni del profilo in alluminio (soltanto 31×31 mm) consentono al binario di creare un ingombro minimo, evitando l’ombreggiamento sui pannelli fotovoltaici. È quindi un sistema in grado di coniugare l’esigenza di sicurezza dell’operatore con la massimizzazione delle prestazioni del sistema fotovoltaico.

Adattabilità a strutture di vario tipo e forma. Le staffe sono personalizzabili in relazione alla conformazione della struttura portante e il binario può essere fissato, mediante un numero adeguato di punti di fissaggio, anche a strutture leggere.

Possibilità di fissaggio del binario alla struttura del pannello fotovoltaico.

Mobilità dell’Operatore in completa sicurezza, grazie alla presenza di un carrello scorrevole su rotaia che consente di spostarsi con facilità senza dover bypassare i pali intermedi che caratterizzano i comuni sistemi anticaduta.

Resistenza e possibilità di utilizzo. Il sistema anticaduta a binario garantisce infine un’elevata resistenza che permette, in base alla resistenza di trazione accertata, di essere usato contemporaneamente da un massimo di sei persone (come da normativa vigente, il requisito necessario per l’utilizzo da parte di sei operatori è la presenza di una resistenza di trazione pari a 1500 Kg), dotate di appositi D.P.I.  collegati al carrello scorrevole”.

“Gli obiettivi che si pone Sicurpal per il futuro – conclude Morandi – sono da un lato il costante miglioramento del servizio offerto al cliente, ampliando ulteriormente la gamma dei prodotti e migliorando costantemente la qualità che da sempre contraddistingue la nostra offerta; dall’altro lato l’attenzione alla formazione di progettisti e installatori in un’ottica di diffusione della cultura della Sicurezza, sperando di contribuire in questo modo alla riduzione degli incidenti dovuti a cadute dall’alto”.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Manutenzione in sicurezza dei pannelli fotovoltaici Edilone.it