La cultura del sistema a cappotto raccontata dal presidente del Consorzio Cortexa | Edilone.it

La cultura del sistema a cappotto raccontata dal presidente del Consorzio Cortexa

wpid-423_COLONNACORTEXA.jpg
image_pdf

Il presidente del Consorzio Cortexa per la cultura del sistema a cappotto racconta le potenzialità della tecnologia e fotografa lo stato del mercato

Dal 2007 Cortexa, il consorzio italiano per la cultura del sistema a cappotto, riunisce sotto lo stesso marchio numerose aziende del settore, sfruttando la loro esperienza trentennale in materia. Con la sua attività di diffusione di una ‘cultura’ di questa tecnologia, il consorzio permette al mercato italiano di mantenere un alto standard tecnologico, fornendo al contempo una formazione continua agli specialisti del settore, nella fase diagnostica, progettuale ed esecutiva dell’installazione del sistema. Socio fondatore di Eae, associazione europea per il sistema di isolamento cappotto, il consorzio è presieduto da Werther Colonna, che abbiamo intervista in esclusiva per raccontarci come nasce e si sviluppa la cultura del sistema a cappotto in Italia e qual è lo stato dell’arte di questa parte significativa di mercato.

Come nasce e si sviluppa una cultura del sistema a cappotto in Europa?

I sistemi di isolamento termico a cappotto sono considerati una tecnologia all’avanguardia in termini di qualità della protezione termica integrale degli edifici, sia nuovi che esistenti. Al tempo stesso il sistema a cappotto è una soluzione che viene applicata con successo già da oltre mezzo secolo in Europa, garantisce quindi oggi risultati ottimali e duraturi nel tempo. Tuttavia è importante ricordare alcune regole fondamentali: la garanzia di qualità e durata viene data solo da sistemi certificati, progettati e posati correttamente. Uno degli errori principali che si possono commettere negli interventi di isolamento a cappotto è acquistare i componenti del Sistema separatamente, perdendo così la garanzia di un Sistema testato e certificato per funzionare nel suo insieme. Nel tentativo, spesso illusorio, di risparmiare, vengono generati con questa scelta errori e malfunzionamenti che possono condurre a reclami ed interventi correttivi con un significativo danno economico.

Quali sono le evoluzioni tecnologiche in atto?

Il sistema a cappotto, grazie alla sua lunga tradizione, è oggi tecnicamente perfetto. Le principali novità in atto sono relative ai materiali isolanti, che, a parità di capacità isolante, nel tempo si stanno riducendo sempre più di spessore. Per quanto concerne le finiture, il sistema a cappotto consente oggi ai progettisti di realizzare ogni tipologia di facciata, garantendo quindi la massima libertà anche a livello architettonico.

Può fornirci un quadro del mercato del sistema a cappotto in Italia?

Il mercato italiano del sistema a cappotto, stimato dal consorzio in circa 17 milioni di m2 posati all’anno tra nuove costruzioni e ristrutturazioni, rappresenta in termini di quote di mercato la soluzione di isolamento più diffusa ed efficace, sia come prestazioni che come rapporto costi/benefici. Una diffusione molto minore hanno le altre soluzioni: facciata ventilata, isolamento termico dall’interno, insufflaggio. Le previsioni parlano di una ulteriore crescita delle ristrutturazioni in edilizia residenziale per il 2014, supportata anche dalle misure prorogate dal Governo: detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni e del 65% per la riqualificazione energetica. In questo contesto ci aspettiamo anche una crescita del mercato per il sistema a cappotto. Per il 2014 cortexa ha commissionato ad un importante istituto di ricerca una indagine di mercato più ampia e dettagliata, sarà nostra cura condividerla con la stampa e l’opinione pubblica nella seconda metà dell’anno.
Quali sono gli strumenti che mettete in campo come consorzio per diffondere una cultura del sistema a cappotto?

La missione di Cortexa, socio fondatore dell’Associazione europea del sistema a cappotto (Eae), è quella di diffondere in Italia la cultura del sistema a cappotto di qualità, attingendo alle migliori conoscenze tecniche disponibili in Europa su questo argomento. A tale scopo Cortexa ha pubblicato il primo manuale di applicazione del sistema (scaricabile gratuitamente qui), sviluppato sulla base delle linee guida europee e ormai diventato un riferimento per il settore dell’edilizia in Italia. Il manuale viene utilizzato e consultato da tutti gli attori della filiera: a partire dal progettista, per giungere alla rivendita e al posatore.

Cortexa propone inoltre numerosi incontri formativi, sia presso le associazioni ed ordini di categoria, sia in modalità webinar, consentendo così a migliaia di interessati di seguire un percorso formativo completo e gratuito sul sistema a cappotto collegandosi con il proprio Pc da casa. Ciò anche poiché noi siamo convinti che, seguendo criteri di qualità sia nella scelta dei materiali che nella qualità della progettazione e della posa, potremo generare lavoro e dare vita a progetti di qualità, sostenibili e duraturi nel tempo, anche in termini di valore.
SCARICA GRATUITAMENTE QUI IL MANUALE PER APPLICAZIONE DEL SISTEMA A CAPPOTTO.

Copyright © - Riproduzione riservata
La cultura del sistema a cappotto raccontata dal presidente del Consorzio Cortexa Edilone.it