Valutazione dei rischi: è legge la proroga sui nuovi adempimenti | Edilone.it

Valutazione dei rischi: è legge la proroga sui nuovi adempimenti

wpid-16338_normativa_02.jpg
image_pdf

Approvato definitivamente il 30 luglio dal Senato il “Decreto Mille-Proroghe”, che – tra le altre proroghe – rinvia al 01 gennaio 2009 gli obblighi di valutazione dei “nuovi” rischi previsti al 29 luglio 2008. Si tratta della Conversione in legge del decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97.

L’emendamento al Decreto Legge n. 97/2008, era stato introdotto dal Senato, e conteneva, tra l’altro, la suddetta proroga al 1 gennaio 2009 degli adempimenti sulla valutazione dei rischi, che sono entrati in vigore il 29 luglio 2008.

Il provvedimento è un decreto “omnibus” contenente molte misure: dal credito d’imposta per le imprese che investono al Sud alla proroga del divieto ai neopatentati di guidare auto potenti. In particolare, per quello che qui interessa strettamente, si interviene anche sul decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, recante disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro, stabilendo che si applicano a decorrere dal 1° gennaio 2009 le disposizioni relative agli obblighi di invio all’Inail, o all’Ipsema, dei dati relativi agli infortuni sul lavoro, e in materia di affidamento della sorveglianza sanitaria al medico competente. Alcune norme riguardano infine i rinvii dei termini per la soppressione di alcuni enti pubblici, la riorganizzazione delle comunità montane da parte delle regioni, lo spostano dei termini per la costituzione delle nuove province.

La proroga in oggetto era stata aggiunta dal Senato al testo originario del Governo. Diventerà operativa  dopo firma del Capo dello Stato e la conseguente pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. La pubblicazionè è attesa in tempi molto brevi poichè il Decreto-Legge n. 97/2008 decade il 03 Agosto 2008, cioè entro 60 giorni, dalla iniziale pubblicazione avvenuta sulla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 3 Giugno 2008.

Copyright © - Riproduzione riservata
Valutazione dei rischi: è legge la proroga sui nuovi adempimenti Edilone.it