Un “Fondo” per le vittime degli infortuni sul lavoro | Edilone.it

Un “Fondo” per le vittime degli infortuni sul lavoro

wpid-306_infortunilavoroconvegnoconseguenzesociali.jpg
image_pdf

Un decreto Ministeriale del 15 marzo 2011, che propone un “Fondo di sostegno per le vittime di gravi infortuni sul lavoro”, è stato approvato ed ufficializzato a seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 106 del 20 maggio 2011, che informa su ciò che è necessario per usufruire del Fondo.

Quest’ultimo è stato istituito dal Ministero del Lavoro e rappresenta un’assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni nel campo della sicurezza su lavoro.

I benefici erogati sono di due tipi:

1) Anticipazione pari a tre mensilità della rendita annua, calcolata sul minimale di legge per la liquidazione delle rendite, i cui benefici non sono soggetti a tassazione. Questa prestazione è erogata ai familiari in concomitanza con una prestazione una tantum. L’erogazione di questi benefici avviene a seguito di un controllo effettuato dal Servizio Ispettivo dell’Istituto e delle Direzioni Provinciali o Regionali del Lavoro.

2) Prestazione una tantum il cui importo verrà determinato dal numero dei componenti del nucleo familiare del soggetto vittima dell’infortunio, dall’andamento del fenomeno infortunistico e dalle risorse effettivamente disponibili del Fondo. L’importo della prestazione è fissato di anno in anno.

La sicurezza sul lavoro è un tema scottante e quanto mai attuale, visto che, secondo i dati INAIL, nel 2010 gli infortuni nel settore costruzioni sono stati 75.500, con 205 decessi: un quarto delle morti bianche in Italia avviene in un cantiere.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Un “Fondo” per le vittime degli infortuni sul lavoro Edilone.it