Trinomio: Statistica incidenti da gas-Norme tecniche UNI sicurezza-Assicurazione utenti | Edilone.it

Trinomio: Statistica incidenti da gas-Norme tecniche UNI sicurezza-Assicurazione utenti

wpid-16471_retigas.jpg
image_pdf

Sulla base dei dati del CIG – Comitato italiano gas – (Ente federato all’UNI) raccolti annualmente in relazione agli incidenti che si verificano in Italia a causa di un utilizzo non corretto (a volte doloso) del gas combustibile distribuito attraverso reti, emerge il rapporto relativo agli incidenti avvenuti nel 2005 e alcuni consigli utili del CIG che aiutano a prevenirli.

Nel corso dell’anno 2005, gli incidenti da gas combustibile relativi al gas naturale (metano) distribuito a mezzo reti e al gas di petrolio liquefatto (GPL) distribuito in bombole e piccoli serbatoi si sono pressoché mantenuti al livello dell’anno precedente. I dati dell’anno 2005, nella distribuzione del gas canalizzato per usi civili, hanno fatto rilevare 202 incidenti, dei quali 20 mortali hanno causato 28 decessi. Gli infortunati sono stati 397. Per il GPL sono stati rilevati 135 incidenti, dei quali 6 mortali che hanno causato 7 decessi. Gli infortunati sono stati 167. Gli utenti (clienti finali) del gas naturale nell’anno sono stati 18.500.000 e quelli del GPL 7.700.000. In totale quindi 26.200.000 utenze domestiche risultano interessate all’utilizzo di gas combustibili, per riscaldamento, per produzione di acqua calda sanitaria e per cottura cibi. Si tratta di un dato ritenuto non abbastanza rassicurante dal Comitato Italiano Gas (CIG) e dell’intera filiera di settore, per cui il perseguimento della logica di sicurezza impone di agire sul fenomeno con attenzione e modalità ancor più calzante.

Al fine di poter meglio studiare le cause che li originano e operare in funzione preventiva, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas (AEEG) con sue deliberazioni ha imposto obblighi di comunicazione ai distributori di gas e successivamente dal Ministero dell’interno – Corpo dei Vigili del Fuoco, che ha stipulato con il CIG una apposita convenzione, per confrontare i dati degli incidenti da gas, venuti in possesso dei due organismi.

Il passo successivo alle funzioni della rilevazione statistica consiste nell’identificazione delle cause degli incidenti e nella proposizione di interventi di natura preventiva. Parecchi di questi ultimi trovano collocazione nelle norme tecniche di sicurezza elaborate dal CIG e pubblicate dall’Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI), di cui il CIG è un Ente Federato. La conformità alle norme tecniche per quel che riguarda la costruzione d’impianti, l’installazione di apparecchi, la corretta manutenzione dei medesimi è essenziale non solo per il rispetto della regola dell’arte, previsto dalle disposizioni legislative di specie ma soprattutto per il fatto che rappresentare la migliore salvaguardia contro accadimenti negativi. Gli utenti del gas naturale distribuito a mezzo reti, godono inoltre di una copertura assicurativa obbligatoria, le cui modalità di attuazione e di usufruimento sono state stabilite dalla delibera AEEG 152/03 e successive correlate. L’attivazione di tale assicurazione a carattere nazionale è automatica. Il costo è di 0,40 €/anno per utenza.

E’ essenziale che i clienti che usano i gas combustibili siano portati a conoscenza dei loro doveri/diritti, correlando così l’utilizzo di queste preziose fonti d’energia ad una consapevole azione quotidiana di prevenzione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Trinomio: Statistica incidenti da gas-Norme tecniche UNI sicurezza-Assicurazione utenti Edilone.it