Sicurezza: prima del cantiere, 16 ore di formazione | Edilone.it

Sicurezza: prima del cantiere, 16 ore di formazione

wpid-cantiere_01.jpg
image_pdf

Dal 1° gennaio 2009 ogni impresa del settore edile dovrà fare partecipare preventivamente il proprio nuovo personale a uno specifico corso di base della durata di due giorni a tempo pieno, al fine di contrastare il sommerso e ridurre il numero di infortuni.

E’ stata presentata ieri 25 settembre a Roma da Formedil e parti sociali la sperimentazione introdotta dal nuovo contratto delle costruzioni che gode del patrocinio dell’INAIL e del ministero del Lavoro. Ance, Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, sono le parti sociali che accompagnano l’Ente nazionale per la formazione e l’addestramento professionale nell’edilizia, nella sperimentazione.

Il contratto delle costruzioni stipulato dalle parti sociali lo scorso giugno ha come obiettivo il contrasto al lavoro irregolare e la riduzione degli infortuni in edilizia che, secondo i dati Inail, nel 2007 sono stati 96.315. Riguarda all’incirca 80mila operai l’anno (su un milione e mezzo di occupati) e vede tra le principali novità il succitato obbligo di sedici ore di formazione obbligatoria per i lavoratori che entrano nel cantiere per la prima volta.

Il corso, finalizzato a fornire ai partecipanti “l’abc” in materia di sicurezza, sarà gratuito per l’azienda e si svolgerà all’interno delle scuole edili nazionali. La sperimentazione durerà due anni.

Soddisfatti dell’iniziativa aziende e sindacati. Se per il presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti, “si tratta di un importante tassello nella strategia che punta a formare il personale sul delicato tema della sicurezza”, il segretario generale della Fillea-Cgil, Walter Schiavella, ha sottolineato come le 16 ore “costituiscono una delle più significative novità per il potenziale miglioramento delle condizioni di qualità del lavoro in termini di sicurezza e legalità”.

Il presidente dell’INAIL, Marco Fabio Sartori, ha espresso, infine, l’auspicio che questa novità possa rappresentare il primo passo di un progetto ancora più ad ampio raggio.

In materia di tutela dei lavoratori, Formedil sta predisponendo altri tre strumenti innovativi: un servizio di gestione del rapporto domanda/ offerta di lavoro che prevede anche una borsa lavoro; piani di sviluppo professionale per promuovere carriere e migliorare i livelli professionali; il libretto formativo e il repertorio nazionale delle competenze per arrivare a un unico archivio dati e a un’unica certificazione delle competenze.

Per altre informazioni, consultare il sito www.inail.it

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Sicurezza: prima del cantiere, 16 ore di formazione Edilone.it