Rischio amianto: si chiede al governo di costituire un tavolo | Edilone.it

Rischio amianto: si chiede al governo di costituire un tavolo

wpid-16252_242_amianto.jpg
image_pdf

Promuovere una strategia a tutto campo per la tutela dei lavoratori esposti all’amianto: è questo il mandato che il Consiglio di indirizzo e vigilanza (Civ) dell’INAIL ha affidato al suo presidente, Franco Lotito. L’iniziativa prevede l’invito del Governo alla costituzione di un gruppo allargato in cui parti sociali, INAIL, Inps, Inpdap, Ipsema e Regioni promuovano strategie a tutto campo per la tutela dei lavoratori esposti.

Sono diversi gli aspetti che hanno motivato questa sollecitazione nei confronti del ministro Sacconi – valuta il Civ INAIL – a partire dall’enorme numero di domande presentate all’Istituto per il riconoscimento dei benefici previdenziali relativi alle conseguenze dell’esposizione all’asbesto: una realtà che conferma come questo problema abbia senz’altro scavalcato il confine della dimensione strettamente lavoristica per diventare una vera e propria questione sociale.

Una richiesta che s’inserisce inoltre nell’ambito delle competenze di supporto tecnico-scientifico, di certificazione e monitoraggio che le normative in materia assegnano all’INAIL: compiti che l’Istituto ha sempre svolto – e continua ad assolvere – con rigore, sforzandosi di contemperare il pieno rispetto delle leggi con l’aspettativa dei lavoratori che nel corso degli anni hanno richiesto il riconoscimento della loro condizione. Come purtroppo confermano tutti gli studi scientifici, il picco della patologia è destinato a incrementarsi fortemente nel corso dei prossimi 15/20 anni e questo rende quanto mai necessario agire adesso con ancora maggiori impegno e tempestività.

Il Civ INAIL dunque vuole essere promotore di un impegnativo percorso di riforma della tutela dei lavoratori esposti all’amianto che abbia non solo l’obiettivo di superare la frammentazione e le lacune delle norme attualmente in vigore, ma anche di precisare le competenze e le responsabilità che si esprimono sia nel processo lavorativo sia come dimensione sociale di tutti i soggetti interessati, dotandoli di strumenti efficaci per una valutazione di merito. Tra le finalità del tavolo, infine, anche la valutazione relativa all’opportunità di realizzare un Testo Unico in merito.

“Contemporaneamente si può e si deve agire usando i mezzi già disponibili per realizzare un Registro nazionale degli ex esposti venuti a contatto dell’amianto per motivi di lavoro”, è l’esortazione del Civ INAIL, “una mappa dei siti produttivi interessati dall’uso dell’amianto, un programma di sorveglianza sanitaria dei lavoratori ed una ricerca per la diagnosi precoce dei tumori polmonari correlati all’esposizione all’asbesto”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rischio amianto: si chiede al governo di costituire un tavolo Edilone.it