Rinviate a giugno misure già previste dal Testo Unico a tutela della salute e sicurezza sul lavoro | Edilone.it

Rinviate a giugno misure già previste dal Testo Unico a tutela della salute e sicurezza sul lavoro

wpid-16312_cantiere_02.jpg
image_pdf

Il decreto legge Milleproroghe approvato il 18 dicembre dal Consiglio dei ministri rinvia di sei mesi alcune misure del Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro, che altrimenti sarebbero scattate a inizio 2009. La proroga riguarda la valutazione dello stress lavoro-correlato e l’obbligo di assicurare data certa al documento sulla valutazione dei rischi (con relative sanzioni). Oltre a tale misura, è stata rinviata al 16 maggio 2009 anche l’entrata in vigore del divieto di visite preassuntive da parte del medico competente, ossia di effettuare visite mediche preventive, prima ancora di assumere un lavoratore. Un punto particolarmente delicato, quest’ultimo, perché – secondo i sindacati – la pratica delle visite preassuntive viola lo Statuto dei lavoratori. Infine, slitta anche l’obbligo di comunicazione all’Inail degli infortuni di durata superiore a 1 giorno.

Cgil, Cisl e Uil hanno commentato le notizie di stampa sul Testo Unico su salute e sicurezza nel lavoro come ”Un fatto gravissimo, sia nel merito che per il metodo, che già abbiamo unitariamente contestato in fase di prima proroga”. Secondo le tre sigle sindacali ”tutto ciò va nel senso opposto all’applicazione delle misure di prevenzione e lancia un negativo messaggio di incertezza normativa che non condividiamo e in controtendenza rispetto alla necessità dell’adozione di provvedimenti risolutivi sulle tematiche della salute e sicurezza”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rinviate a giugno misure già previste dal Testo Unico a tutela della salute e sicurezza sul lavoro Edilone.it