Riforma della normativa sulla sicurezza sul lavoro | Edilone.it

Riforma della normativa sulla sicurezza sul lavoro

wpid-16434_edilizia.jpg
image_pdf

La materia della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro subirà a breve un riordino della normativa sotto forma di un testo unico. Lo ha stabilito il disegno di legge per il conferimento della delega all’emanazione di un testo unico, approvato dal Governo nella riunione del 16 febbraio.

L’intenzione di effettuare il riordino della materia della sicurezza dei lavoratori con tale tipo di provvedimento era già stata, del resto, annunciata con la presentazione delle “Linee guida per il Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro” tracciate a conclusione della Seconda Conferenza nazionale sul tema: “Salute e sicurezza sul lavoro“, svolta a Napoli, dal 25 al 26 gennaio 2007, organizzata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale con la collaborazione del Ministero della Salute e della Regione Campania, e cofinanziata dall’Unione Europea, nell’ambito del Fondo sociale europeo – POR Campania 2000-2006. Nel documento si dichiarava l’intenzione di modificare il quadro della normativa esistente in materia, risultato di una progressiva stratificazione di fonti diverse, che il recepimento di numerose norme comunitarie ha reso ancor più complessa. L’orientamento della prossima attività normativa è agli obiettivi di riordino, innovazione, coordinamento, semplificazione, nonché diffusione della cultura della sicurezza.

Non si tratterà quindi di un testo unico meramente compilativo, in quanto è prevista l’introduzione di molti elementi di novità nella normativa delegata e il superamento di lacune significative.

Tra i punti qualificanti della disciplina, oltre alla riformulazione e all’adeguamento del sistema sanzionatorio, vi è la previsione della piena garanzia per i lavoratori “parasubordinati” e autonomi, che vengono considerati beneficiari di tutela in quanto semplicemente presenti in un ambiente di lavoro di cui il datore abbia la disponibilità, indipendentemente dal tipo di contratto o dal titolo per cui prestano opera.

Un ulteriore elemento di novità sarà il rafforzamento del ruolo del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale, in un contesto che renderà possibile affrontare i problemi connessi alle modalità di elezione e di svolgimento del mandato. Vengono valorizzati e incoraggiati altresì accordi aziendali, codici di condotta e “buone prassi” che orientino utilmente i comportamenti dei datori di lavoro.

Copyright © - Riproduzione riservata
Riforma della normativa sulla sicurezza sul lavoro Edilone.it