Prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici in edilizia | Edilone.it

Prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici in edilizia

wpid-16379_SicurezzaEdili.jpg
image_pdf

Il NIOSH, Istituto statunitense per la sicurezza sul lavoro suggerisce alcuni semplici modi per impedire i disturbi muscoloscheletrici nell’industria edilizia dandone descrizione in una nuova pubblicazione: "Simple Solutions: Ergonomics for Construction Workers".

La guida suggerisce una serie di interventi pratici per impedire infortuni legati al maneggiamento dei carichi pesanti o ingombranti, ai movimenti ripetuti e ad altre attività fisiche richieste nel settore costruzioni. Tutti i consigli sono stati praticati realmente in diversi luoghi di lavoro. Nel 2005, come si legge sul sito del Niosh, nel settore costruzioni sono stati segnalati 35.900 casi di disordini muscoloscheletrici che hanno provocato uno o più giorni di assenza dal lavoro.

I dati mostrano che tali numeri sono ben oltre la media nazionale. per qusto motivo l’istituto ha ritenuto opportuno sintetizzare alcune semplici indicazioni organizzandole secondo i tipi di lavori legati alle costruzioni. Ad esempio attività svolte a terra oppure quelle legate alla movimentazione, o ancora attività di maneggiamento dei materiali. In ogni categoria, vengono descritti interventi pratici per le attività specifiche o riferiti alle attrezzature da lavoro. Molte delle soluzioni possono essere adottate dai lavoratori stessi, mentre altre hanno bisogno della partecipazione del datore di lavoro o dell’appaltatore generale.

Per altre informazioni, consultare il sito web:
http://www.cdc.gov/

Copyright © - Riproduzione riservata
Prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici in edilizia Edilone.it