Ponteggi: il ruolo del coordinatore nelle attività di montaggio/smontaggio e uso | Edilone.it

Ponteggi: il ruolo del coordinatore nelle attività di montaggio/smontaggio e uso

Un focus dedicato al ruolo del coordinatore nella pianificazione della sicurezza e la gestione del rischio in cantiere, corredato da una lista di controllo del ponteggio

new building construction site with scaffolding platforms
image_pdf

Parlare di lavori in quota, implica, purtroppo, rilevare come negli anni il rischio di caduta dall’alto continui a essere il primo nella statistica degli infortuni.

L’uso delle opere provvisionali in cantiere è uno degli aspetti che il coordinatore per la sicurezza non può prescindere dal definire e disciplinare nel PSC e verificare in cantiere, pena il mancato rispetto degli obblighi imposti al suo ruolo di garante della sicurezza.

Ruolo centrale nella pianificazione della sicurezza e nella gestione del cantiere, è assunto dal coordinatore in grado di adottare dapprima appropriate scelte tecniche (coordinatore per la progettazione) ed in seguito di strutturarle cronologicamente nel tempo, adattandole se del caso alla propria realtà (coordinatore per l’esecuzione dei lavori).

Nell’ambito di questo ruolo qualora siano previsti lavorazioni in quota per la protezione dei lavoratori dal rischio di caduta il CSP deve nel Piano di sicurezza e di Coordinamento (PSC):
– identificare le misure contro il rischio di caduta dall’alto, prediligendo i dispositivi di protezione collettiva;
– indicare le misure di coordinamento relative all’uso comune di apprestamenti, attrezzature ed infrastrutture da parte di più imprese e lavoratori autonomi.

Il ponteggio metallico sia prefabbricato a telai o a tubi e giunti è oggi la misura di prevenzione e protezione più diffusa quando si devono realizzare lavorazioni in elevazione.
Il legislatore consente il suo impiego come dispositivo di protezione collettiva contro le cadute dall’alto purché per ogni singolo montaggio venga eseguita una valutazione specifica e uno specifico progetto del ponteggio firmato da ingegnere o architetto abilitato (Circolare Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 29/2010).

La progettazione del ponteggio è obbligatoria nei casi previsti dall’articolo 133 comma 1: nella fattispecie per “I ponteggi di altezza superiore a 20 metri e quelli per i quali nella relazione di calcolo non sono disponibili le specifiche configurazioni strutturali utilizzate con i relativi schemi di impiego, nonché le altre opere provvisionali, costituite da elementi metallici o non, oppure di notevole importanza e complessità in rapporto alle loro dimensioni ed ai sovraccarichi”.

Il progetto del ponteggio deve comprendere:
a) calcolo di resistenza e stabilità eseguito secondo le istruzioni approvate nell’autorizzazione ministeriale;
b) disegno esecutivo.

Il ponteggio per la sua funzione di dispositivo di protezione collettiva è stato ritenuto dal legislatore, un aspetto così rilevante da attribuirgli una prerogativa economica e della quale il coordinatore per la progettazione ha il compito di definirne il costo; quest’ultimo infatti è stato inserito tra gli oneri della sicurezza.
Il mandato del coordinatore per la progettazione, non si conclude con la corretta identificazione dell’apprestamento nel P.S.C., ma comprende anche la definizione delle misure necessarie per la corretta conservazione dell’apprestamento e le prescrizioni per il suo corretto uso da parte delle imprese.
Il coordinatore per l’esecuzione dei lavori, al fine di adempiere agli obblighi di cui all’art. 92 del D.Lgs. n. 81/2008 smi deve verificare con opportune azioni di controllo in cantiere il rispetto delle misure identificate nel PSC.
Per agevolare il CSE nell’adempimento dei propri compiti si fornisce una lista di controllo da utilizzare durante l’uso del ponteggio da allegare al verbale di sopralluogo.

Lista di controllo del ponteggio

Nota
Si indica “si” quando l’elemento considerato è conforme.
Si indica “no” quando l’elemento considerato non è conforme alla norma.
Si indica “non pertinente” quando l’elemento considerato non riguarda il ponteggio verificato.

Elemento Tipo di verifica Giudizio 
di conformità
Generale Controllare che il disegno esecutivo sia conforme allo schema tipo fornito dal fabbricante del ponteggio.
Controllare che il disegno esecutivo sia firmato dal responsabile del cantiere per conformità agli schemi tipo forniti dal fabbricante del ponteggio.
Controllare che il disegno esecutivo sia tenuto in cantiere, a disposizione degli organi di vigilanza, assieme alla copia del libretto.
Controllare che sia presente la documentazione relativa all’esecuzione dell’ultima verifica del ponteggio effettuata dal responsabile di cantiere.
Controllare che il Datore di Lavoro abbia redatto un Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio in funzione della complessità del ponteggio scelto.
Controllare che le parti di ponteggio non pronte per l’uso siano evidenziate e delimitate con elementi materiali che impediscono l’accesso alla zona di pericolo.
Controllare che il ponteggio venga montato, smontato e trasformato da personale che ha ricevuto una formazione adeguata.
Stabilità Controllare che il ponteggio sia composto da elementi marchiati da un unico fabbricante.
Controllare che il ponteggio sia stabile e appoggi su un basamento con capacità portante sufficiente.
Controllare che lo scivolamento degli elementi di appoggio del ponteggio sia impedito con il fissaggio su una superficie di appoggio o con altro sistema equivalente.
Controllare la verticalità dei montanti con l’utilizzo del filo a piombo.
Verificare l’efficienza delle controventature di pianta e di facciata mediante:
– controllo visivo della linearità delle aste delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta;
– controllo visivo dello stato di conservazione dei collegamenti ai montanti delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta;
– controllo visivo dello stato di conservazione degli elementi di impalcato aventi funzione di controventatura.
Controllare i dispositivi di blocco dei fermapiedi.
Controllare i dispositivi di blocco degli elementi di impalcato.
Controllare l’efficienza e il numero degli ancoraggi secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio riportate nel libretto e secondo le caratteristiche del supporto su cui sono installate.
Controllare che gli eventuali giunti utilizzati siano opportunamente serrati secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio riportate nel libretto.
Dispositivi anticaduta Controllare che siano protetti tutti i bordi verso il vuoto:
– scale;
– collegamenti;
– pareti laterali e frontali ponteggio.
Controllare che i ponti siano muniti di dispositivi anti caduta anche tra bordo interno dell’impalcato e struttura per distacchi superiori a 20 cm.
Controllare che l’altezza dei montanti superi di almeno 1,2 m l’ultimo impalcato o piano di gronda.
Parte riservata ai ponteggi metallici posti in corrispondenza ai luoghi di transito o stazionamento
Protezione di terzi Controllare l’efficienza dell’elemento parasassi.
Controllare che sia sbarrata e opportunamente segnalata l’intera zona di pericolo.
Controllare che sia assicurata la protezione di terzi dalla caduta di oggetti (utilizzo di teli o altri dispositivi).
Parte riservata ai ponteggi di altezza superiore a 20 metri o non conformi agli schemi tipo
Generale Controllare che sia stato redatto un progetto firmato da un ingegnere o architetto abilitato a norma di legge all’esercizio della professione.
Controllare che il progetto del ponteggio sia tenuto in cantiere a disposizione dell’autorità di vigilanza assieme alla copia del libretto.
Controllare che il Datore di Lavoro abbia redatto un calcolo di resistenza e stabilità delle corrispondenti configurazioni di impiego del ponteggio.
Parte riservata ai ponteggi sui quali siano stati montati tabelloni pubblicitari, graticci, teli o altre schermature
Generale Controllare che sia stato redatto un apposito calcolo, eseguito da ingegnere o architetto abilitato a norme di legge all’esercizio della professione, in relazione all’azione del vento presumibile per la zona ove il ponteggio è montato.

a cura del Geom. Parisi Giuseppe consulente per la sicurezza Namirial S.p.A.)

Fonte articolo: Namirial

Namirial S.p.A. si rivolge ai professionisti, alle imprese edili e ai tecnici che operano nel campo dell’edilizia, offrendo loro le soluzioni informatiche più adatte. In campo Sicurezza offre un’intera gamma di software dedicata a tutti i professionisti che si occupano della sicurezza nei cantieri mobili e temporanei, della sicurezza legata al montaggio, uso e smontaggio dei ponteggi, della sicurezza nei luoghi di Lavoro e della sicurezza e prevenzione di infortuni e malattie. Scopri i dettagli qui.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ponteggi: il ruolo del coordinatore nelle attività di montaggio/smontaggio e uso Edilone.it