Nuove misure del Ministero per gli edili | Edilone.it

Nuove misure del Ministero per gli edili

wpid-SicurezzaCantieri_2.jpg
image_pdf

Un “pacchetto sicurezza” appositamente predisposto per il settore dell’edilizia, sarà presentato dal Ministero del Lavoro come emendamento al decreto Bersani. Lo ha annunciato il ministro Cesare Damiano al termine dell’incontro intrattenuto dallo stesso con le associazioni imprenditoriali e i sindacati degli edili, lo scorso 8 luglio presso la Prefettura di Torino.

Secondo le anticipazioni del Ministro, il pacchetto sicurezza prevederà la piena realizzazione del Documento unico di regolarità contributiva, la piena attuazione della dichiarazione preventiva di instaurazione del giorno del lavoro, dunque il giorno prima dell’assunzione stessa, il monitoraggio giornaliero del personale presente nei cantieri, anche attraverso l’adozione di un tesserino elettronico di riconoscimento.
In corso di approfondimento, inoltre, il rafforzamento del sistema sanzionatorio, attraverso l’inasprimento delle multe e la revisione del processo di riscossione delle sanzioni medesime fino alla possibilità di procedere al sequestro del cantiere qualora si riscontri il ricorso ad un determinato numero di lavoratori in nero. Previste anche alcune forme di scambio di dati tra Enti e società, Enel, gas, telefono, quali parametri di valutazione per una verifica di congruità nel rapporto fra manodopera impiegata, attività, risultati e forme di lotta contro il sommerso. Il tutto per imprimere la traiettoria di una nuova cultura della regolarità e delle stabilità del lavoro.

Il ministero ha annunciato la convocazione a breve di un incontro nazionale con tutti i soggetti operanti nel settore dell’edilizia che hanno sottoscritto l’avviso comune del dicembre 2003 per illustrare nel dettaglio le misure del pacchetto sicurezza che il ministero intende adottare.
Per il prossimo 12 luglio, già fissata una riunione tra i ministri del Lavoro e delle infrastrutture, Cesare Damiano e Antonio di Pietro, per mettere a punto ”un’azione concordata” che consenta al governo di varare entro la fine dell’anno una nuova normativa sugli appalti che tenga in debito conto anche il fattore “qualità”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Nuove misure del Ministero per gli edili Edilone.it