L'ultimo decreto per la sicurezza di attrezzature da lavoro | Edilone.it

L'ultimo decreto per la sicurezza di attrezzature da lavoro

wpid-304_worksafe.jpg
image_pdf

 

Il Ministero del Lavoro ha emanato recentemente il Decreto 11 aprile 2011, con lo scopo di organizzare ulteriormente modalità, tempistiche e passaggi burocratici ed amministrativi per le verifiche di controllo sulle attrezzature da lavoro da parte di soggetti terzi pubblici o privati. L’INAIL è il primo destinatario, secondo legge, di tali verifiche, che successivamente passano alle ASL.

Il nome esteso del decreto ministeriale è “Decreto 11 aprile 2011 – Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’All. VII del d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81, nonché i criteri per l’abilitazione dei soggetti di cui all’art. 71, co.13, del medesimo d.lgs”.

Su tale norma vige il decreto testo di legge di riferimento e destinato all’aggiornamento, il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro D.lgs 81/08, in particolare il suo art. 71 “Obblighi del datore di lavoro”, nei commi 11,12,13.

Responsabilità del datore di lavoro è quella di sottoporre le attrezzature funzionali al lavoro, ad esempio apparecchi per il sollevamento materiali o persone, tubazioni, generatori di gas o vapore, generatori di combustibile, a controlli periodici per accertarne la conservazione ed efficienza per la sicurezza dei suoi dipendenti.

L’INAIL si incarica della prima verifica nei termini di sessanta giorni dalla richiesta. Dopo tale periodo, il datore di lavoro può rivolgersi alle ASL o a soggetti pubblici o privati abilitati e di competenza.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'ultimo decreto per la sicurezza di attrezzature da lavoro Edilone.it