Le linee guida ANCE per il Sistema di sicurezza | Edilone.it

Le linee guida ANCE per il Sistema di sicurezza

wpid-16311_ance.jpg
image_pdf

L’Ance ha provveduto, di concerto con l’Istituto di certificazione per le imprese nelle costruzioni (ICIC), ad elaborare le linee guida per la realizzazione di un sistema di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro (SGSL) specifico per le imprese di costruzione, volto da una parte a prevenire gli infortuni sul lavoro adottando tutte le misure più idonee, dall’altra a ridurre il rischio per le imprese di incorrere nella responsabilità amministrativa delineata dal Dlgs 231/2001 e ora codificata dal testo sicurezza (Dlgs 81/2008).

Il documento è stato redatto con l’obiettivo di facilitare le imprese di costruzione nel complesso compito di istituire e attuare un sistema di gestione (SGSL) coerente con i requisiti previsti dalle “Linee guida per un Sistema di Gestione della Salute e sicurezza sul Lavoro” prodotte da UNI e INAIL nel 2001 e per risultare coerenti anche con le “Indicazioni specifiche per l’applicazione nelle aziende di costruzioni esercenti cantieri temporanei e mobili”, elaborate e approvate il 24 giugno 2003.
Scopo dell’iniziativa è anche quello di facilitare le imprese del settore nel complesso compito di istituire e attuare un sistema certificabile da parte di un organismo terzo indipendente con riferimento alla norma internazionale Ohsas 18001:2007.

Avere un sistema Sgsl certificato (in riferimento allo standard Ohsas) testimonia concretamente e in modo oggettivo lo sforzo organizzativo del datore di lavoro per prevenire in modo efficace gli incidenti sul lavoro; ovverosia essere considerato come elemento positivo a favore dell’impresa nel momento in cui il magistrato dovrà valutare se esistano o meno gli estremi per contestare all’impresa la responsabilità amministrativa.

Allineandosi totalmente alle linee guida UNI-INAIL, il sistema di gestione (SGSL) disposto dall’ANCE per le impresa di costruzioni prevede:
*una fase preliminare di impianto del sistema che si traduce nella definizione del documento programmatico e nella sua diffusione;
*una fase di esercizio e di controllo da parte dell’impresa e dei singoli cantieri ossia di verifica e proposta di modifica del PSC predisposto dalla committenza;
*infine una fase di riesame e di miglioramento del sistema.
Naturalmente le varie fasi possono intersecarsi e interagire fra loro, ma, a fini esemplificativi e per una maggiore comprensione, nelle linee guida gli adempimenti relativi a ciascuna fase sono illustrati separatamente.

Ne deriva la seguente composizione del documento Sgsl:
* parte prima: fasi preliminari – impianto del sistema;
* parte seconda: fase di esercizio e di controllo;
* parte terza: monitoraggio di secondo livello, riesame e miglioramento del sistema;
* parte quarta: suggerimenti per la certificazione del SGSL realizzato;
* esempi.

Ogni linea guida è corredata da esempi applicativi che costituiscono un modello non vincolante, che può essere modificato, a volte anche profondamente, a seconda della tipologia organizzativa dell’impresa e delle sue dimensioni al fine di renderlo aderente alle varie realtà presenti sul territorio.
l SGSL realizzato è anche certificabile, da parte di un Organismo terzo indipendente con riferimento alla norma internazionale OHSAS 18001:2007.

Copyright © - Riproduzione riservata
Le linee guida ANCE per il Sistema di sicurezza Edilone.it