ISPESL: C'è bisogno di cultura della sicurezza per contrastare l'elevato numero di incidenti sul lavoro | Edilone.it

ISPESL: C'è bisogno di cultura della sicurezza per contrastare l'elevato numero di incidenti sul lavoro

wpid-16270_200_checklist_ORIG.jpg
image_pdf

Il compito dell’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro è arginare il fenomeno degli incidenti sul lavoro, il cui numero è ancora troppo elevato e costituisce un danno inaccettabile in termini economici, ma soprattutto in termini umani per la coscienza civile del paese.
“La conoscenza dei pericoli e delle tecniche per prevenirli e controllarli, costituisce il più formidabile sistema di prevenzione contro il verificarsi degli incidenti”. Sostiene Vittorio Mazzocchi, direttore del dipartimento Tecnologie di Sicurezza dell’ISPESL. “La cultura della sicurezza, che rappresenta l’alternativa e il contrasto più efficace a questo fenomeno, viene incrementata – sottolinea Mazzocchi – anche attraverso manifestazioni come questa, che per temi affrontati e per qualità delle relazioni presentate, risponde efficacemente ai nostri obiettivi. Il titolo del convegno “La scienza e la tecnica rendono sicuro il lavoro” interpreta efficacemente la missione istituzionale affidata all’ISPESL, anche dai recenti provvedimenti legislativi sulla sicurezza sul lavoro”.
“L’evento – ha dichiarato il direttore del dipartimento ISPESL di Genova, Vincenzo Naso – si pone come obiettivo sensibilizzare gli utenti e gli operatori del settore sull’importanza della sicurezza del lavoro”.
Non è un caso che le due giornate si svolgeranno a Genova, dove, secondo recenti statistiche riferite al 2008, in Liguria c’è un incremento di infortuni dei lavoratori nati all’estero, salito negli ultimi otto anni dal 4% del dato totale regionale a oltre l’11% e in ascesa anche gli infortuni sulle donne, saliti dal 20% a oltre il 25%. Il rapido avvicendamento del personale, la maggiore mobilità del lavoro, l’afflusso di lavoratori stranieri, l’esternalizzazione di molte attività, hanno contribuito a disperdere quella orgogliosa competenza e quella conoscenza implicita che distinguevano le maestranze di grandi centri industriali come Genova.
Domani, presso il palazzo San Giorgio apriranno i lavori, a partire dalle 9: il sindaco di Genova, Marta Vincenti, il presidente della Provincia, Alessandro Repetto, il commissario straordinario dell’ISPESL, Antonio Moccaldi, il direttore generale ISPESL, Umberto Sacerdote, il presidente area della ricerca di Genova del CNR, Bianca Falcidieno. Il convegno si svolge nell’ambito delle tre giornate dedicate alla sicurezza nel mondo del lavoro “Nuove rotte per la sicurezza”, presentate a Genova dal 28 al 30 ottobre.

Copyright © - Riproduzione riservata
ISPESL: C'è bisogno di cultura della sicurezza per contrastare l'elevato numero di incidenti sul lavoro Edilone.it