Il rischio non è un mestiere: Mostra itinerante sul lavoro | Edilone.it

Il rischio non è un mestiere: Mostra itinerante sul lavoro

wpid-16378_sicurezza_lavoro_04.jpg
image_pdf

Dal prossimo 16 dicembre approda a Firenze, presso gli Uffizi nell’ex Chiesa San Pier Scheraggio la grande mostra itinerante che racconta il lavoro, la salute e la sicurezza dei lavoratori in Italia, nelle fotografie delle collezioni Alinari.

L’esposizione è resa disponibile dalla Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino, dove resterà aperta al pubblico fino al 15 gennaio 2008.

L’inaugurazione è prevista per sabato 15 dicembre alle ore 18.00, alla presenza del Ministro Cesare Damiano.

Inaugurata lo scorso 18 ottobre a Roma, nella Sala delle Bandiere del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (dove è rimasta fino al 25 novembre) la mostra, promossa dal ministero del Lavoro in collaborazione con l’Inail, è stata visitata da 15 mila persone che hanno percorso un viaggio nel mondo del lavoro in Italia, attraverso immagini scattate nell’arco di oltre cento anni, frutto della ricerca iconografica curata dalla Fondazione Alinari.

Dopo Roma e Firenze sarà possibile visitare l’esposizione – che si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio – a Genova, a partire dal mese di febbraio, dopodiché verrà trasferita a Napoli, Milano, Palermo e Torino.

La mostra vuole essere soprattutto un contributo, come ha spiegato il ministro del Lavoro, a “spezzare il silenzio che, troppo a lungo ha gravato sul mondo del lavoro e sulle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori. E lo fa ripercorrendo la fatica quotidiana dei lavoratori fin dal secolo scorso”.

Il ripetersi ancor oggi troppo frequente di gravi infortuni e di morti sul lavoro richiede una seria riflessione sul fenomeno, sulle sue dimensioni, caratteri, e quindi sui mezzi per controllarlo meglio e sempre di più. Sapendo che un cambiamento vero passa anche attraverso la cultura della prevenzione, che dovrebbe essere rivolta, in modo particolare ai giovani, per contribuire alla formazione di cittadini consapevoli del valore della salute.

L’obiettivo è, dunque, offrire un materiale visivo che permetta di sensibilizzare e attrarre l’attenzione del grande pubblico, sviluppando una lettura critica e consapevole del fenomeno, inquadrato nella sua dimensione storica. Una testimonianza dell’evoluzione e del cambiamento delle condizioni di lavoro e della sicurezza, articolato in quattro sezioni che seguono un filo cronologico e al tempo stesso tematico, attraverso l’occhio attento di grandi fotografi italiani. Permettendo così di inquadrare, all’indomani del varo del Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (il disegno di legge elaborato dal ministero del Lavoro insieme al dicastero della Salute) il tema della sicurezza del lavoro all’interno del contesto in cui storicamente si colloca, nell’ambito del processo che porta l’Italia da paese sostanzialmente agricolo e industrialmente arretrato ad una delle maggiori nazioni industrializzate, con la necessità di recuperare tutta una serie di ritardi che trovano espressione anche sul piano della sicurezza sul lavoro.

Copyright © - Riproduzione riservata