Benne per calcestruzzo e caricatori compatti: come ridurre il rischio infortuni? | Edilone.it

Benne per calcestruzzo e caricatori compatti: come ridurre il rischio infortuni?

wpid-17536_bennecalcestruzzo.jpg
image_pdf

Con la circolare n. 28 del 2 luglio 2013, il ministero del Lavoro ha fornito chiarimenti e indicazioni sull’utilizzo delle benne miscelatrici per la produzione di calcestruzzo accoppiate a caricatori compatti, al fine di garantire la tutela degli operatori durante l’uso di dette attrezzature e di ridurre, riconsiderando anche i livelli di sicurezza di tali macchinari, il rischio di infortuni nel settore.

Qualora il fabbricante della benna non abbia indicato la compatibilità con specifici modelli di caricatori, deve essere verificato che la macchina operatrice abbia un carico operativo ammesso superiore alla massa massima della benna miscelatrice nelle condizioni di carico massimo tecnicamente possibile, calcolata come somma del peso della benna e del peso del calcestruzzo.

Tale dato dovrebbe essere riportato nel manuale di istruzioni, e, in assenza, bisognerebbe contattare il fabbricante della benna per chiedere una formale autorizzazione all’accoppiamento con il proprio caricatore compatto.

Il ministero sottolinea che, in assenza del dato della massa massima della benna miscelatrice, e in mancanza di una esplicita autorizzazione all’accoppiamento da parte del costruttore, è fatto divieto di utilizzo di benne miscelatrici per calcestruzzo in abbinamento a caricatori compatti.

Scarica la circolare ministeriale

Copyright © - Riproduzione riservata
Benne per calcestruzzo e caricatori compatti: come ridurre il rischio infortuni? Edilone.it