Ultimato il restyling alla Stazione di Savona | Edilone.it

Ultimato il restyling alla Stazione di Savona

wpid-15670_248_stazione.jpg
image_pdf

Obiettivo principale dei lavori il recupero e adeguamento funzionale dell’edificio della Stazione di Savona, progettato e realizzato tra il 1958 e il 1962 dall’ingegnere Pier Luigi Nervi era rendere lo scalo ligure accogliente, decoroso e sicuro per i suoi frequentatori, con un’ampia offerta di servizi commerciali di qualità. Gli interventi a opera di Centostazioni (nata dalla partnership fra Ferrovie dello Stato e la cordata di imprenditori privati riuniti nella società Archimede 1) contribuiscono alla riqualificazione del tessuto urbano circostante e fanno parte del complessivo ammodernamento della rete, degli impianti di logistica, delle stazioni e dei mezzi ferroviari.

I lavori hanno riguardato la struttura centrale della stazione, recuperata nell’aspetto originario attraverso il mantenimento dei caratteristici elementi strutturali “a vista” in cemento armato, tipici dell’architettura del Nervi. Il progetto ha puntato alla valorizzazione dell’originario impianto strutturale dell’edificio e all’utilizzazione piena delle ampie aree disponibili sia al piano della biglietteria sia al livello inferiore, piano città. Il terrapieno preesistente sul fronte piazza è stato rimosso creando un affaccio diretto sulla piazza attraverso portali in cemento armato sottostanti i grandi pilastri di facciata del piano superiore. Ampie vetrate tessute all’interno dei portali di facciata del piano inferiore costituiscono l’accesso al fabbricato. A questo piano sono ubicati il nuovo ingresso alla stazione dalla Città e le nuove attività commerciali e di servizio.

Al fine di esaltare la leggibilità dell’impianto strutturale originario, le nuove architetture a doppia altezza, pensate come “scatole interne” non vanno a saldarsi sulle soffittature e contro le pareti d’ambito, ma risultano staccate dalle strutture preesistenti. Al centro del vasto salone spicca uno spazio ellittico interamente vetrato che, destinato ad accogliere attività commerciali e promozionali, si affaccia parzialmente sul vuoto sottostante del nuovo ingresso lato città, creando una totale continuità architettonica e visiva con esso.

L’illuminazione naturale resta assicurata dalle grandi vetrate esterne a doppia altezza che sono state completamente rifatte per l’adeguamento alla normativa di sicurezza, risalendo quelle originali al 1960.

IL RESTYLING IN CIFRE

2.600 metri quadrati pavimento in marmo ‘Grolla’ – Atrio

240 corpi illuminanti

7.300 metri di cavi per nuovi corpi illuminanti

320 metri di percorsi tattili per ipovedenti

6.800 metri di cavi per adeguamento a norma degli impianti

740 metri quadrati di controsoffitto

560 metri quadrati di vetri

1.010 metri quadrati vetrate a filo lucido

Copyright © - Riproduzione riservata
Ultimato il restyling alla Stazione di Savona Edilone.it