Ufficializzata la Scuola di restauro a Matera | Edilone.it

Ufficializzata la Scuola di restauro a Matera

wpid-15729_matera_03.jpg
image_pdf

La Scuola del restauro a Matera si inserisce a pieno titolo nelle strategie della nuova programmazione 2007-2013 del Programma Operativo Fse, definito dal Dipartimento Formazione-Lavoro, con gli obiettivi di valorizzare il patrimonio storico-culturale-ambientale della regione; promuovere la consapevolezza della coscienza e dell’identità regionale; sostenere intervento ed iniziative che si inseriscono nelle politiche regionali in materia di coesione sociale e territorio e di sviluppo nell’industria culturale”. E’ quanto sostiene l’assessore regionale alla Formazione-Lavoro-Cultura Antonio Autilio.

Nel sottolineare che “è stato raggiunto un importante risultato, l’assessore aggiunge che “l’istituto di Matera rappresenta uno degli strumenti più qualificati e prestigiosi che arricchisce l’intero Mezzogiorno di un luogo privilegiato per la valorizzazione dei beni culturali e delle risorse umane e si candida ad esercitare un ruolo importante per i beni culturali dei Paesi del Bacino del Mediterraneo. Si tratta – continua Autilio – di un’area eccellente di ricerca e di innovazione per la conservazione del patrimonio culturale e il conseguimento del diploma di laurea quinquennale in restauro con una “missione” molto più ampia.

L’iniziativa – continua l’assessore – nasce nel rispetto del nuovo Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio che prevede tra l’altro la creazione di centri con la partecipazione di soggetti pubblici e privati cui affidare attività di interventi di conservazione e restauro sui beni culturali di particolare complessità”.

“La Basilicata senza Matera non ce la può fare per il suo ruolo e la sua storia all’interno della regione. del Mezzogiorno, del Sud”. Lo ha detto il presidente della Regione, Vito De Filippo, intervenendo lo scorso 6 ottobre, a Matera, alla cerimonia di ufficializzazione della istituzione della Scuola di alta formazione e studio dell’Istituto centrale di restauro. Il ruolo della Regione Basilicata – ha aggiunto De Filippo – si può sintetizzare in tre parole: sostegno, incentivazione e collaborazione. In un periodo caratterizzato dal federalismo e, quindi, da una competizione sempre più forte dei territori, per una piccola regione, come la Basilicata, è assolutamente importante costruire luoghi di eccellenza puntando non sulla quantità, ma sulla qualità.

L’idea di dar vita a questo progetto arrivò nel corso dell’inaugurazione del Musma quando, alla presenza del direttore generale del ministero dei Beni Culturali, D’Elia e De Ruggirei lanciarono la proposta. Per questo progetto la Regione Basilicata ha già trasferito alla Provincia di Matera le aree e le opere già realizzate e destinate al centro di formazione professionale della zona Paip (1.500 metri quadri) ed ha messo a disposizione un milione di euro nell’ambito del quarto atto integrativo dell’accordo di programma quadro in materia di beni e attività culturali. Mentre le attività formative potranno avvalersi dei finanziamenti del Fondo sociale europeo della programmazione 2007 – 2013.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ufficializzata la Scuola di restauro a Matera Edilone.it