Treviso: restaurata la Fattoria di Villa Emo del Palladio | Edilone.it

Treviso: restaurata la Fattoria di Villa Emo del Palladio

wpid-15826_VillaEmo.jpg
image_pdf

E’ stato recentemente completato il restauro della grande Fattoria di Villa Emo, capolavoro del Palladio nella campagna di Fanzolo di Vedelago, nel trevigiano. L’intervento ha permesso il recupero dell’imponente ed elegante edificio, lungo oltre 150 metri, ridotto in precarie condizioni oltre che per l’usura del tempo, anche per le manomissioni subite.

I lavori a Villa Olmo – con un investimento di circa 6 milioni di euro – hanno consentito il recupero in tutte le parti dell’edificio trasformandolo, nel totale rispetto per l’architettura originale, nel nuovo Centro Servizi del Credito Trevigiano, la banca di credito cooperativo che nel 2004 ha deciso di porsi come mission la salvaguardia completa del monumento più celebre del proprio territorio, ovvero la villa palladiana degli Emo e del paesaggio ad essa circostante.

Il restauro è stato affidato all’architetto Alberto Torsello (che ha operato in stretto rapporto con le Soprintendenze), il quale ha optato per la “Conservazione Totale”, rispettando il preesistente, nelle sue stratificazioni, senza manomettere nulla, conservando persino i vecchi intonaci anche là dove di evidente fattura popolare.

L’attenzione dei responsabili del Credito Trevigiano – secondo le affermazioni del suo presidente Nicola Di Santo – è ora destinata a concentrarsi sull’antico Borgo prospiciente l’ingresso della Villa: un nucleo, storicamente molto interessante, di edifici un tempo abitati dai coloni. L’istituto bancario ne sta valutando le modalità di recupero architettonico al fine di dare loro nuova vita e funzione. Successivamente, l’attenzione sarà spostata sulla salvaguardia del contesto paesaggistico della Villa.

Copyright © - Riproduzione riservata
Treviso: restaurata la Fattoria di Villa Emo del Palladio Edilone.it