Tour virtuale di Pompei su Google Street View | Edilone.it

Tour virtuale di Pompei su Google Street View

wpid-15667_251_pompei.jpg
image_pdf

Sono online da questi giorni gli scavi di Pompei come non si erano mai visti. Immortalati con lo speciale 0biettivo delle telecamere griffate Google. Il motore di ricerca più importante della rete, infatti, dopo aver completato la mappatura delle strade più importanti della Penisola, stringendo un accordo con il Ministero dei beni culturali (Mibac)offre da oggi anche una navigazione completa del più importante patrimonio archeologico del Belpaese. I resti della città romana avvolta dai gas e sommersa dalle ceneri e i lapilli del Vesuvio a seguito dell’eruzione del 24 agosto 79 d. C. Grazie a Google Street View, accessibile dal menù mappe del motore di ricerca statunitense, portando il cursore illuminato di giallo sullo spazio solo apparentemente vuoto degli scavi è possibile rivelare e così percorrere comodamente da casa le strade della Pompei antica.

E dunque organizzare in proprio una gita virtuale tra gli scavi, ammirando le vestigia della città e le ville sepolte dall’eruzione del vulcano. «La possibilità di passeggiare virtualmente tra le meraviglie di Pompei rappresenta – afferma in una nota Mario Resca, direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale del Mibac – uno straordinario veicolo promozionale per il turismo italiano e uno stimolo per tanti potenziali turisti a venire di persona a visitare i due centri archeologici». La novità dello Street View turistico come opportunità quindi per incrementare il flusso dei visitatori. Anche per chi amministra il patrimonio archeologico pompeiano. «L’accordo con Google – aggiunge Marcello Fiori, neo commissario straordinario per gli scavi di Pompei – rientra a pieno titolo nel piano messo a punto per il rilancio e la valorizzazione degli scavi, che prevede anche l’apertura dei siti ad eventi teatrali e musicali, la messa in sicurezza dei reperti e la lotta alle situazione di illegalità».

Dall’altra parte, per il gigante del web, si tratta di un’occasione imperdibile e di una nuova sfida. «Il patrimonio artistico e culturale italiano è tra più importanti e apprezzati al mondo, una risorsa che oggi può raggiungere e arricchire miliardi di persone attraverso Internet – conclude Carlo d’Asaro Biondo, vice presidente di Seemea Google -. Siamo felici che il Mibac abbia deciso di sostenerci in questo progetto e condivida il valore di Internet come strumento di sviluppo del nostro Paese».

Copyright © - Riproduzione riservata
Tour virtuale di Pompei su Google Street View Edilone.it