Snellite le procedure per la detrazione del 55% | Edilone.it

Snellite le procedure per la detrazione del 55%

wpid-3391_minecofin.jpg
image_pdf

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 26 settembre 2009 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 6 agosto 2009 recante “Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, ai sensi dell’articolo 1, comma 349, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.”.
Il decreto in argomento apporta alcune modifiche al decreto del Ministro dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministro dello sviluppo economico del 19 febbraio 2007 recante “Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, ai sensi dell’art. 1, comma 349, della legge 27 dicembre 2006, n. 296”, pubblicato Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 2007, come modificato dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, del 7 aprile 2008.

Il provvedimento, recante “Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, ai sensi dell’articolo 1, comma 349, della legge 27 dicembre 2006, n. 296”, è finalizzato a chiarire e ridurre gli adempimenti amministrativi richiesti ai contribuenti per il beneficio dell’agevolazione fiscale. In particolare, per quanto riguarda l’asseverazione di un tecnico abilitato che attesti la rispondenza dell’intervento ai requisiti richiesti, è previsto che questa asseverazione può anche essere esplicitata nella relazione attestante la rispondenza alle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli edifici e relativi impianti termici (come stabilito dalla legge 9 gennaio 1991, n. 10). Ovviamente, l’asseverazione può anche essere sostituita da quella resa dal direttore lavori sulla conformità al progetto delle opere realizzate, obbligatoria ai sensi dell’art. 8, comma 2, del Dlgs 192/2005.

Il nuovo decreto, modificando l’articolo 5, comma 3, del DM 19/02/07, stabilisce inoltre che il metodo di calcolo previsto dall’Allegato I al Dlgs 192/2005, è valido fino all’entrata in vigore del Dpr n. 59 del 2 aprile 2009, attuativo dell’art. 4, comma 1, lettere a) e b) del Dlgs 192/2005. Dunque a partire dal 25 giugno 2009, data di entrata in vigore del regolamento attuativo, i medesimi calcoli devono essere svolti nel rispetto delle disposizioni del Dpr n. 59 del 2 aprile.

Per quanto riguarda la sostituzione di finestre comprensive di infissi, il nuovo provvedimento modifica l’articolo 7, comma 2 del DM 19 febbraio 2007, cancellando l’obbligo di allegare all’asseverazione sul rispetto dei requisiti minimi le certificazioni dei singoli componenti, rilasciate nel rispetto della normativa europea in materia di attestazione di conformità del prodotto.

Viene eliminato anche l’obbligo, per i pannelli solari autocostruiti, di produrre la certificazione di qualità del vetro solare e delle strisce assorbenti, secondo le norme UNI vigenti, rilasciata da un laboratorio certificato. Basta pertanto produrre l’attestato di partecipazione ad un corso specifico di formazione da parte del soggetto beneficiario.

Con l’allegato I al DM 6 agosto 2009, e per gli interventi effettuati a partire dal 31 dicembre 2009, vengono definiti nuovi requisiti minimi prestazionali delle pompe di calore. Inoltre, non viene più richiesto di allegare all’asseverazione le certificazioni dei singoli componenti, rilasciate nel rispetto della normativa europea in materia di attestazione di conformità del prodotto, nel caso di impianti di potenza nominale del focolare inferiore a 100 kW.

Il nuovo provvedimento precisa inoltre che i generatori di calore a condensazione possono essere “ad aria o ad acqua” e che le valvole termostatiche a bassa inerzia termica vanno installate “ove tecnicamente compatibile”.

Infine, il decreto modificativo del DM 19 febbraio 2007 aggiunge il comma 2-bis al comma 2 dell’articolo 10, stabilendo che le detrazioni del 55% “non sono cumulabili con il premio per gli impianti fotovoltaici abbinati ad uso efficiente dell’energia di cui all’art. 7 del decreto ministeriale 19 febbraio 2007″.

Copyright © - Riproduzione riservata
Snellite le procedure per la detrazione del 55% Edilone.it