Premio Rebuild 2014: il meglio della riqualificazione italiana | Edilone.it

Premio Rebuild 2014: il meglio della riqualificazione italiana

wpid-2912_Cadornaarchfotopost.jpg
image_pdf

Il meglio della riqualificazione italiana è stato premiato nei giorni scorsi a Riva del Garda nell’ambito di Rebuild 2014, terza edizione della convention dedicata alla riqualificazione e alla gestione sostenibile dei patrimoni immobiliari in Italia, durante la quale è stato assegnato il Premio Rebuild 2014 nelle due categorie, ‘terziario’ e ‘residenze’.

Ad aggiudicarsi il “nobel” della riqualificazione per la sezione “terziario” è l’ingegnere Anna di Girolamo, con il progetto San Nicolao, un complesso immobiliare risalente agli anni ’60, situato a Milano in Piazza Cadorna 3, completamente riqualificato ad opera di Beni Stabili, su progetto dell’architetto Massimo Roj, fondatore e amministratore delegato di Progetto CMR.

Per la categoria “residenze” a portare a casa il premio è il progettista Giovanni Fabris con il progetto Ca’ Spineda, general conctractor Welldom: una villa padronale del XVI secolo situata a Montebelluna in provincia di Treviso, soggetto di un intervento di restauro conservativo, che ha permesso di recuperare l’immobile nella sua totalità, dotando le unità residenziali di comfort abitativi di altissimo livello.

Quest’anno, il Premio Rebuild – primo concorso in Europa interamente dedicato a progetti di riqualificazione sostenibile, ideato da Habitech e Fraunhofer Institute – ha inoltre selezionato cinque menzioni d’onore tra i numerosi progetti ricevuti: efficienza energetica (studio Specialedil), sostenibilità ambientale (Agenzia CasaClima), comfort e qualità costruttiva (Lombardini 22, già vincitore del premio Rebuild 2013), sostenibilità economica (R&S Engineering), sostenibilità sociale (studio ADBR).

Progetto San Nicolao

Progetto Ca’ Spineda

Copyright © - Riproduzione riservata
Premio Rebuild 2014: il meglio della riqualificazione italiana Edilone.it