OICE: è necessaria una mappatura delle case a rischio | Edilone.it

OICE: è necessaria una mappatura delle case a rischio

wpid-4048_crollofavara.jpg
image_pdf

In seguito al tragico crollo di Favara che è costato la vita a due bambine, il presidente dell’OICE, Braccio Oddi Baglioni interviene chiedendo un censimento delle case a rischio su tutto il territorio, perché eventi di questo tipo non debbano più ripetersi.

“L’OICE– dichiara il presidente – è pronta a dare il proprio contributo per aiutare i comuni nell’opera di mappatura delle case da demolire per essere ricostruite nello stesso posto, con una certificazione finale che ne attesti le caratteristiche antisismiche, laddove richieste, e il rispetto degli standard di sicurezza”.

In questo senso il piano casa – secondo Oddi Baglioni – è stato finora “un’occasione sprecata: al posto di consentire aumenti di cubature delle cosiddette villette, il piano casa dovrebbe servire a incentivare gli stessi proprietari a rottamare case costruite negli anni ’50 e ’60, cioè nel periodo della sfrenata speculazione edilizia, senza rispetto delle norme elementari per la sicurezza dei fabbricati.

Questo consentirebbe anche il recupero urbanistico delle periferie degradate e la “messa a norma” degli edifici dal punto di vista del risparmio energetico. Ma il governo – conclude con rammarico il presidente OICE – non sembra indirizzato, purtroppo, verso questo tipo di programmazione ordinaria e di gestione affidata e pretesa sul territorio.

Al contrario con il recente decreto, che ha istituito la Protezione Civile Spa, è stato delegato il controllo e la gestione degli interventi, anche quelli che non hanno le caratteristiche dell’emergenzialità, a una struttura che può operare attraverso leggi speciali che mettono fuori gioco l’autonomia territoriale e la responsabilità dei singoli”.

Copyright © - Riproduzione riservata
OICE: è necessaria una mappatura delle case a rischio Edilone.it