Istanbul: restauro dell'italiana Villa Tarabya | Edilone.it

Istanbul: restauro dell’italiana Villa Tarabya

wpid-15829_VillaTarabya.jpg
image_pdf

Villa Tarabya ad Istanbul, prestigiosa costruzione del 1906 opera dell’architetto italiano Raimondo D’Aronco, donata allo Stato italiano come sede dell’Ambasciata, sarà restaurata.

E’ stata, infatti, conclusa nei giorni scorsi la sottoscrizione di una Convenzione che prevede gli interventi per la messa in sicurezza dell’immobile demaniale, raggiunta grazie all’azione svolta in questi mesi da un apposito Gruppo di lavoro costituito presso il Ministero degli Esteri.

Villa Tarabya è un prestigioso immobile di inizio Novecento realizzato su progetto dell’architetto friulano Raimondo D’Aronco, a suo tempo donato allo Stato italiano per farne la residenza estiva degli Ambasciatori presso l’Impero Ottomano. L’edificio costituisce uno straordinario esempio d’Art Nouveau Internazionale caduto in grave stato di degrado. Il Ministero italiano ha promosso nel novembre del 2005 l’elaborazione di un progetto complessivo per il restauro ed il riutilizzo dell’immobile, in collaborazione con il mondo imprenditoriale italiano in Turchia, con le Autorità turche oltre che con alcune Regioni. Tra queste, in particolare, il Friuli Venezia Giulia. L’intervento del Ministero è stato sollecitato da un appello per la salvaguardia dell’immobile, lanciato da Italia Nostra. L’obiettivo dell’intervento, oltre che di evitare la perdita di un immobile di grande pregio architettonico, è quello di mettere l’edificio a disposizione del “sistema Italia” nelle sue varie articolazioni, economiche e culturali, a sostegno della sua forte presenza in Turchia.

Ultimati i lavori di emergenza entro il prossimo giugno, sulla base anche di uno studio di fattibilità tecnico-finanziaria, potrà essere avviato il progetto complessivo di recupero aperto al sostegno finanziario da parte del mondo dell’impresa e della finanza italiana.

La Convenzione è stata sottoscritta dal Direttore Generale per il Patrimonio, Dott.ssa Di Giovanni e dai rappresentanti dell’Associazione Palatina Istanbul – che curerà i servizi tecnici di progettazione e di direzione dei lavori – e dell’Associazione Prorestauro – che curerà l’esecuzione dei lavori, oltre che dai rappresentanti delle società Alenia/Finmeccanica e Italcementi, la cui sponsorizzazione coprirà l’intero ammontare degli interventi. Presenti alla stipula dell’accordo anche il Vice Segretario Generale della Farnesina, Min. Zanardi Landi, e del Direttore Generale per l’Europa, Min. Mirachian.

Per altre informazioni su Villa Tarabya, consultare il sito:
http://www.daronco.org/

Copyright © - Riproduzione riservata
Istanbul: restauro dell’italiana Villa Tarabya Edilone.it