Isolamento termico nelle case: migliora anche la salute | Edilone.it

Isolamento termico nelle case: migliora anche la salute

wpid-isolamento.jpg
image_pdf

Non solo le esigenze di risparmio energetico ma anche il miglioramento delle condizioni di salute personale e di benessere, scientificamente dimostrate, propendono per l’opportunità di abitare in una casa termicamente ben isolata. Per chi effettua tale scelta, le probabilità di ammalarsi di raffreddore si dimezzano rispetto a chi vive in una casa non coibentata. Una casa ben isolata può migliorare significativamente la salute e il benessere. A questa conclusione sono giunti alcuni studiosi della University of Otago di Wellington, Nuova Zelanda, in una ricerca pubblicata sul British Medical Journal.

L’indagine è stata condotta nell’ambito di sette gruppi sociali a basso reddito di Wellington, che hanno costituito un campione di 4407 occupanti 1350 case.

I proprietari delle case esaminate dagli studiosi sono stati divisi in due gruppi: il primo comprendente i proprietari di case non coibentate, il secondo i proprietari di case che avevano un buon isolamento termico e tettoie che riparavano dalla pioggia porte e finestre. Gli abitanti delle case sono stati quindi intervistati dai ricercatori con quesiti riguardanti l’uso dell’energia, le temperature domestiche ed altre caratteristiche ambientali.

In base ai risultati emersi dalla ricerca, le case fredde peggiorano lo stress fisiologico di quelli che vi abitano ed hanno al contempo maggiori probabilità di essere umide, causando così problemi respiratori. L’isolamento termico porta a una diminuzione dell’umidità accompagnata da un aumento della temperatura.

Nel confronto tra le due tipologie del campione, le persone occupanti case ben coibentate hanno dichiarato molta meno muffa e umidità, mostrata una minore probabilità di soffrire di influenza e raffreddore ed un minor dispendio dal punto di vista energetico. Adulti e bambini delle case isolate avevano la metà delle probabilità di assentarsi dal lavoro o da scuola per motivi di salute.

Secondo gli autori dello studio, interventi di isolamento termico, soprattutto in piccole comunità povere, possono significativamente ridurre le disuguaglianze sanitarie e migliorare salute e benessere.

In Italia, il varo del Governo del Pacchetto energia (di qualche settimana fa) lascia pensare che il mercato dell’edilizia focalizzi la sua attenzione su isolanti, rivestimenti, dal momento che gran parte del patrimonio edilizio italiano non risulta termicamente ben isolato.

Copyright © - Riproduzione riservata
Isolamento termico nelle case: migliora anche la salute Edilone.it