Involucro edilizio 2007: comparto da 2,75 Mld di euro | Edilone.it

Involucro edilizio 2007: comparto da 2,75 Mld di euro

wpid-UncsaalLogo.jpg
image_pdf

La Commissione Studi Economici Uncsaal, in occasione di MADE expo, la nuova manifestazione fieristica dedicata all’edilizia, all’architettura e al design che inaugurerà la sua prima edizione il 5 febbraio 2008 presso gli spazi espositivi di Milano-Rho, ha reso disponibile alla stampa e agli operatori di settore la propria tradizionale analisi economica “Il mercato dell’involucro edilizio in Italia – Serramenti metallici e facciate continue 2007 – scenari 2008“.

L’analisi evidenzia come nel corso del 2007 il fatturato aggregato complessivo del comparto dell’involucro edilizio italiano abbia raggiunto una dimensione di 2,75 miliardi di euro con una crescita dell’8,1% rispetto al 2006.

Nel dettaglio, i serramenti metallici sono cresciuti dell’1,1% in unità/finestra prodotte e dell’8,5% in termini di valore assoluto (2,2 miliardi di euro), mentre la crescita del valore prodotto dalle facciate continue è stato del 7,4% rispetto al 2006. L’incremento del valore del mercato dei serramenti, maggiore rispetto a quello delle unità/finestra vendute, registrato per il terzo anno consecutivo, ha subito una ulteriore accelerazione nel corso del 2007, determinata in eguale proporzione dal generale aumento dei costi delle materie prime e dell’energia e dalla parallela affermazione sul mercato di serramenti con prezzi unitari superiori, ovvero ad alto isolamento termico e con elevati contenuti estetici. Il successo di mercato dei serramenti ad elevato isolamento energetico è stato favorito sia dall’applicazione delle normative europee e nazionali sulle prestazioni termiche degli edifici ma, soprattutto, dagli incentivi fiscali del 55%, previsti dalla legge finanziaria 2007 per la sostituzione dei serramenti con altri a maggiore performance termica. Incentivi, peraltro riconfermati, facilitati e potenziati dalla legge finanziaria 2008. Un ulteriore fattore che ha caratterizzato il mercato dei serramenti dell’anno appena trascorso è stato l’inizio del periodo transitorio della Marcatura Ce (febbraio 2007), cioè del periodo durante il quale il serramentista può apporre volontariamente [ma non ancora obbligatoriamente, la cogenza scatterà infatti a partire dal 1° febbraio 2009] la marcatura sui propri prodotti.

L’universo facciate continue Uncsaal stima che nel 2007, in Italia, siano state complessivamente realizzate
facciate continue per un totale complessivo di 550 milioni di euro con un aumento di poco superiore al 7% del fatturato sul già positivo andamento del 2006. Questo risultato è stato determinato principalmente da due fattori:
· Start-up dei grandi interventi urbanistici nelle aree metropolitane con particolare riguardo a Milano.
· Consolidamento del ruolo di leader internazionale del settore da parte delle più rappresentative imprese italiane produttrici di facciate continue.
· La diffusione, già registrata da alcuni anni, di interventi medio-piccoli di involucro destinati a centri commerciali, showroom, edifici direzionali.

E’ corretto quindi affermare che sia il 2007, sia il 2008 sono stati e saranno anni determinati da una ulteriore divisione del mercato delle facciate continue fra aziende di grandi dimensioni orientate al global-market e ai grandi interventi di
riqualificazione urbanistica (in Italia, in Europa, nel Medio e nell’Estremo Oriente) e aziende di medie dimensioni che, abbandonata la produzione di serramenti, hanno orientato il proprio core-business sulla produzione di piccoli e medi
involucri edilizi.

Nel corso dell’anno appena trascorso sono infine da segnalare tre interessanti processi di rinnovamento strategico delle imprese: la sempre più incisiva industrializzazione della produzione, distribuzione e commercializzazione dei prodotti,
le sempre più presenti joint-venture fra aziende e l’affermazione di industrie produttrici o distributrici di serramenti multi-materiale orientate a offrire al mercato le più disparate soluzioni qualitative e di prezzo.

Pur non ignorando le recentissime previsioni congiunturali macro-economiche, che lasciano presagire, nei paesi OCSE, possibili scenari recessivi che non potranno non coinvolgere il comparto dell’edilizia e quello dell’involucro, è comunque corretto affermare che il 2008 sarà caratterizzato dalla piena operatività di dinamiche e di trend già presenti nell’anno trascorso: l’accesso alle detrazioni del 55% da parte di una significativa quota di committenza privata e di gestori di patrimonio immobiliare, l’affermarsi di una cultura architettonica che trova nell’offerta dell’involucro edilizio soluzioni che coniugano ecosostenibilità a rinnovo urbanistico delle metropoli e il consolidamento di strategie d’impresa improntate all’internazionalizzazione e all’innovazione di prodotto.

Per altre informazioni, consultare il sito web:

http://www.uncsaal.it

Copyright © - Riproduzione riservata
Involucro edilizio 2007: comparto da 2,75 Mld di euro Edilone.it