Il recupero di una birreria in disuso | Edilone.it

Il recupero di una birreria in disuso

wpid-15586_346_home.jpg
image_pdf

Cheval Noir è un progetto di edilizia sociale che consiste in 31 appartamenti progettati espressamente per gli artisti. Si trova in Belgio, a Brusselles, e l’edificio, situato tra una piazza pubblica e un canale, è stato ristrutturato per migliorare anche la circolazione del traffico urbano circostante, la sua apertura e illuminazione. Cheval Noir è stato progettato in una collaborazione tra lo studio L’Escaut e Atelier Gigogne.

Gli architetti hanno cercato di integrare il più possibile l’architettura originale e gli elementi strutturali dell’ex fabbrica di birra Hallemans nel nuovo design. Al fine di dotare lo spazio storico di più luce, parti delle pareti nord e sud sono state forate e aggiunti nuove finestre e lucernari. E’ stata anche costruita un’intera nuova ala contemporanea, rivestita completamente di zinco, per aumentare la metratura e fornire i servizi più moderni non integrabili nell’edificio storico. Questa torre rivestita di zinco, che sorge sopra gli altri edifici della zona, contiene infatti anche l’ascensore. L’accesso ad ogni appartamento è fornito mediante ponti e scale esterne.

La ristrutturazione della fabbrica di birra ha dato vita a 31 appartamenti tipo loft, senza pareti interne tranne che per il bagno. La pianta libera permette ai residenti di ogni appartamento la possibilità di definire lo spazio in base alle esigenze personali. Ogni appartamento ha viste e affacci in due direzioni (verso l’acqua e la città) e finestre apribili per una buona ventilazione naturale. Il sistema di acqua calda sanitaria è stato installato sul tetto per l’utilizzo in tutto l’edificio. La circolazione esterna incoraggia l’interazione tra i residenti, e la vecchia ciminiera è stata trasformata in una zona barbecue per incontri all’aperto.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il recupero di una birreria in disuso Edilone.it