Grande Progetto Pompei: l'Universita' di Bologna mappera' il sito | Edilone.it

Grande Progetto Pompei: l’Universita’ di Bologna mappera’ il sito

Al team dell'Universita' di Bologna il lotto 3 del 'Piano della conoscenza' del Grande Progetto Pompei. Realizzera' un modello 3d per il recupero del sito

wpid-2996_pompei.jpg
image_pdf

L’Università di Bologna ‘Alma Mater‘ realizzerà la mappatura 3d del sito di Pompei: il Dipartimento di Storia culture civiltà (Disci) dell’ateneo bolognese, già da anni operativo a Pompei con uno “scavo scuola, ha infatti vinto il Lotto 3 del progetto di recupero per un importo complessivo di 700mila euro. Bologna è l’unico ateneo italiano a comparire tra i vincitori come singolo operatore economico, dato che l’altro ateneo vincitorie – l’Università di Salerno – ha partecipato come capofila di un pool di operatori.

Il bando vinto dall’Alma Mater rientra in quella fase del ‘Grande Progetto Pompei‘ per l’intero recupero del sito archeologico che è stata denominata ‘Piano della conoscenza’. Si tratta di un programma che prevede l’esecuzione di una mappatura complessiva della città, divisa in sei lotti, per rilevare nel dettaglio lo stato di conservazione del sito. In questo modo si potrà arrivare a una conoscenza approfondita di ogni singola struttura o elemento archeologico di Pompei, con l’obiettivo finale di una manutenzione consapevole e programmata.
Il piano prevede la realizzazione di una planimetria in scala 1:50 di tutta la città antica e l’analisi di ogni singola unità muraria in modo tale da avere un modello 3D di tutti gli alzati, con una schedatura che ne registri l’esatto stato di degrado. Saranno inoltre realizzate scansioni laser tridimensionali dei principali complessi abitativi, che confluiranno nel database informatizzato finalizzato alla manutenzione futura e allo studio della città.

Per realizzarla, il Disci si affiderà oltre che al suo personale tecnico anche ad altri dipartimenti dell’Ateneo bolognese, come Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali (Dicam), che sarà impegnato nelle prove non distruttive e nella diagnosi strutturale. Insieme a loro, anche il supporto di ricercatori di altri atenei, provenienti dal Dipartimento di Architettura Costruzioni e Strutture dell’Università Politecnica delle Marche e dal Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Copyright © - Riproduzione riservata
Grande Progetto Pompei: l’Universita’ di Bologna mappera’ il sito Edilone.it