Ferrara: piano per il recupero delle aree degradate | Edilone.it

Ferrara: piano per il recupero delle aree degradate

wpid-CastelloEstenseFerrara.jpg
image_pdf

La città di Ferrara avvia la riqualificazione urbana di alcune sue aree strategiche (palazzo degli Specchi, ex Mof, ex Amga) per un’estensione complessiva di oltre 190.000 metri quadri. Per questo la società di trasformazione urbana Ferrara immobiliare, di cui il Comune è unico socio, ha messo a punto un bando il cui importo a base di gara è di 546 mila euro.

La formula è quella della procedura aperta per la selezione di architetti e ingegneri che dovranno progettare nuovi insediamenti nelle aree dell’ ex Mof, della Darsena, dell’ex Amga e dell’ex direzionale pubblico di via Beethoven.

Il volume degli investimenti previsto per la realizzazione di opere pubbliche in queste aree è stimato in circa 20 milioni, ai quali si aggiungono circa 30 milioni per la realizzazione del nuovo direzionale pubblico per gli uffici amministrativi del Comune e della provincia di Ferrara. Il ricavo atteso del programma nel suo complesso è di circa 200 milioni.

Per il sindaco di Ferrara Gaetano Materiale, l’intervento sul comparto Darsena ed ex Mof consentirà di ricavare un nuovo accesso alla città a vantaggio dei visitatori del futuro museo nazionale dell’ebraismo e della Shoah (stimati in 200 mila all’ anno) e del turismo fluviale.

Per questo – ha precisato il direttore del dipartimento del territorio Fulvio Rossi durante una conferenza stampa per presentare il bando – è previsto l’interramento di un tratto di via Darsena, fra gli ingressi al parcheggio di via Kennedy e quello del sottomura, permettendo un ampliamento del parcheggio di circa 300 posti auto.

Il programma di riqualificazione di queste due aree mira a realizzare una “spiaggia urbana” fruibile lungo il fiume e la riqualificazione degli spazi a ridosso delle mura, grazie all’integrazione tra la zona Darsena con l’area ex Mof.

La ristrutturazione urbanistica prevista per la zona dell’ex Amga vede un complesso unitario di edifici di varie altezze, affacciato su un ampio varco pedonale che mette in collegamento il parco delle mura con la rotonda di via Kennedy. Le destinazioni previste dal piano sono prevalentemente residenziali, con attività commerciali a piano terra e dovrebbe anch’essa favorire la creazione di un nuovo e più ampio accesso al parco del sottomura.

Per quanto riguarda il Palazzo degli Specchi, verranno ricostruite le parti dopo vent’anni di abbandono e di degrado. Potrà per questo rendersi necessario l’abbattimento di buona parte degli attuali corpi di fabbrica. L’inizio dei lavori potrebbe avvenire entro la primavera 2009, mentre per quanto riguarda l’ex Mof saranno necessari un paio d’anni in più. L’edificio che rinascerà nell’area del Palaspecchi avrà soprattutto destinazione residenziale, sarà immerso nel verde e rispetterà canoni costruttivi improntati al rispetto ambientale. L’intervento sul Palazzo degli Specchi costituisce la prima tappa per la riqualificazione della periferia urbana cresciuta attorno e costituisce un’opportunità per rafforzare l’offerta di servizi della città, in continuità con le altre funzioni già sorte nella zona (centro commerciale, alberghi).

Lo sviluppo della nuova viabilità primaria prevista dal Piano Regolatore, e la concreta traduzione degli obiettivi del Psc, che prevedono di realizzare lungo le nuove direttrici la cosiddetta ‘città dell’auto’ sono la condizione per la definizione delle nuove funzioni assegnate a quest’area.

Operativamente è prevista una parziale demolizione dei fabbricati esistenti, che saranno in prevalenza ristrutturati, mentre il centro sportivo e ricreativo sarà riqualificato e adeguato alle nuove esigenze funzionali, integrando gli impianti sportivi con funzioni di carattere commerciale e di artigianato di servizio coerenti e compatibili.

Il bando di gara-procedura aperta europea indetto lo scorso 8 febbraio per l’individuazione dei professionisti a cui affidare la progettazione urbanistica delle aree in oggetto (importo complessivo di progettazione di 546.000 euro – data di scadenza 31/3/2008) è pubblicato sul sito:
http://servizi.comune.fe.it/

Copyright © - Riproduzione riservata
Ferrara: piano per il recupero delle aree degradate Edilone.it