Edilizia, tra i settori chiave per ridurre la dipendenza energetica del Paese | Edilone.it

Edilizia, tra i settori chiave per ridurre la dipendenza energetica del Paese

wpid-italia_energia.jpg
image_pdf

L’Italia, per quanto riguarda l’efficienza energetica, era tra i migliori paesi dell’area dell’Ocse, ma ora la situazione ”è peggiorata”. Questo il giudizio sintetico che ha espresso Pieter Boot dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) intervenendo in occasione del ‘Rome Energy Meeting’ dei giorni scorsi.

Se l’Italia – secondo quanto rilevato da Boot – negli anni ’90 era sopra la media dei Ocse ( migliore di un terzo rispetto alla media dell’Ocse), ora la media Ocse è migliorata: mentre in paesi come Belgio e Grecia sono stati fatti sforzi notevoli, sembra che in Italia non sia successo nulla”.

Per Boot ”se fosse stato fatto di più” per migliorare l’efficienza energetica in Italia, il paese ”sarebbe meno dipendente dalle importazioni”. Tuttavia, Secondo Boot ”sono molti gli interventi possibili sugli edifici esistenti, più di quelli sulla nuova edilizia. Si dovrebbero implementare sul serio i certificati energetici già sperimentati”. Altro settore strategico per la riduzione del consumo energetico quello ”dell’illuminazione, sposando la nota tradizione dell’architettura italiana con i nuovi bisogni di efficienza”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Edilizia, tra i settori chiave per ridurre la dipendenza energetica del Paese Edilone.it