Con un’innovativa tecnica si ricostruisce l’abside della chiesa degli Eremitani di Padova | Edilone.it

Con un’innovativa tecnica si ricostruisce l’abside della chiesa degli Eremitani di Padova

wpid-15657_262_chiesa.jpg
image_pdf

L’abside della chiesa degli Eremitani di Padova, distrutto a causa di un bombardamento americano nel 1944 potrà essere restaurato. La difficoltà, che aveva impedito fin adesso la sua ricostruzione, consisteva nel fatto che i dipinti di Andrea Mantegna e Niccolò Pizolo furono ridotti dalle incursioni nemiche a migliaia di frammenti piccolissimi dell’ordine pochi centimetri.

Ma adesso, quei dipinti ritroveranno la loro originaria collocazione su parete. L’impossibile puzzle (oltre 80 mila frammenti) è stato ricomposto grazie all’anastilosi virtuale, il metodo innovativo realizzato dal dipartimento di Fisica dell’università di Padova.

Il processo di anastilosi informatica applicata ai beni culturali ha permesso negli ultimi anni di evitare la scomparsa di manufatti unici danneggiati. Tale procedimento consiste essenzialmente nella trasposizione in ambiente virtuale del tradizionale lavoro di anastilosi manuale, basato sul confronto diretto tra i frammenti dell’opera d’arte distrutta (in questo caso gli affreschi) con una fotografia dell’oggetto prima del suo danneggiamento.

“Abbiamo consegnato il database che raccoglie tute le posizioni dei brandelli” riferisce la storica dell’arte Camilla Zanuso, che collabora al Progetto Mantegna. All’inizio si era addirittura pensato di rivolgersi alla Nasa, in considerazione dell’esperienza maturata nel trattamento delle immagini, poi il docente ha messo a punto un sistema che facendo ricorso alle cosiddette armoniche circolari riesce a stabilire la rotazione di un frammento anche senza conoscerne la rotazione.

Gli algoritmi matematici permettono di dire se due immagini si somigliano, infatti, nessuno sapeva com’erano posizionati sulle pareti: a disposizione c’erano solo immagini dell’800 in bianco e nero, per cui anche i colori delle singole parti degli affreschi erano sconosciuti.

Copyright © - Riproduzione riservata
Con un’innovativa tecnica si ricostruisce l’abside della chiesa degli Eremitani di Padova Edilone.it