Basilica di Santa Croce, Firenze: conclusa la prima fase del restauro | Edilone.it

Basilica di Santa Croce, Firenze: conclusa la prima fase del restauro

wpid-15887_SantaCroce1.jpg
image_pdf

Si è conclusa la prima fase dei lavori di restauro della navata sinistra della basilica di Santa Croce a Firenze con il ritorno nell’originaria ubicazione delle due opere pittoriche: la “Cena in Emmaus” e la “Resurrezione” di Santi di Tito.

Gli interventi hanno portato alla revisione ed al consolidamento del supporto ligneo dei dipinti, al fissaggio ed al consolidamento degli strati pittorici, ad una pulitura graduale ed attenta dei colori ed al recupero della cornice. Lo scorso 29 giugno è stata sistemata al proprio posto, sull’altare Berti, la grande pala (4,37 per 2,93 metri) della “Cena in Emmaus”, eseguita da Santi di Tito nel 1574 nell’ambito degli interventi ordinati da Cosimo I a Giorgio Vasari per adeguare gli arredi della chiesa alle direttive della Controriforma. L’imponente pittura, gravemente danneggiata dall’alluvione del 1966, era stata oggetto di un primo restauro nel 1968 e, successivamente, di un nuovo intervento negli anni Settanta.

Già lo scorso febbraio, era stata ricollocata sull’altare Medici la “Resurrezione”, opera dello stesso Santi di Tito, dipinta per decorare il secondo altare della navata sinistra. A conclusione del recente intervento di restauro, le due opere pittoriche sono state collocate su uno speciale ed innovativo telaio apribile, che agevolerà le necessarie ispezioni ed i conseguenti interventi di manutenzione.

Nei programmi dell’Opera di Santa Croce, presenti anche futuri interventi per restituire progressivamente all’originario splendore tutti gli altari della Basilica.

Copyright © - Riproduzione riservata
Basilica di Santa Croce, Firenze: conclusa la prima fase del restauro Edilone.it