Ediltrophy 2015: i muratori dell'anno vengono da Puglia e Veneto | Edilone.it

Ediltrophy 2015: i muratori dell’anno vengono da Puglia e Veneto

Ecco chi ha vinto la consueta gara promossa dal Formedil al Saie 2015 per celebrare l'eccellenza italiana nell'arte muraria

EdilTrophy_2015
image_pdf

Sono pugliesi, siciliani e veneti i muratori dell’anno: a decretarlo è il consueto e ormai tradizionale appuntamento con Ediltrophy, la gara nazionale di arte muraria che, come ogni anno, chiude il Saie di Bologna (da quest’anno Saie Smart House). Giunta all’ottava edizione, la gara è organizzata dal Formedil (Ente nazionale per la formazione e l’addestramento professionale in edilizia) in collaborazione con il Sistema Bilaterale delle Costruzioni (SBC), lo stesso Saie e l’Iple, la Scuola Edile di Bologna, con il patrocinio dell’Inail e del Consiglio nazionale geometri e geometri laureati, del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e la partnership di Andil, l’Associazione nazionale degli industriali dei laterizi.

La vittoria quest’anno è andata per la categoria senior a Massimo D’Avanzo e Domenico Di Bari dell’Edilscuola Puglia. Al secondo posto la Sicilia con Rosario Dinoldo e Salvatore Nasello della Scuola Edile Panormedil – CPT Palermo, mentre al terzo posto si piazza il Veneto con Carlo Fagherazzi e Sebastiano Manente per la Scuola edile di Venezia.

Il successo di Puglia e Veneto trova riscontro anche nella categoria junior: qui sono stati dichiarati vincitori i partecipanti della Scuola Edile Andrea Palladio di Vicenza, formata da Manuel Calgarotto e Giorgio Romare. Al secondo e terzo posto si posizionano rispettivamente i pugliesi del Formedil Bari Pietro Amoruso e Nicola Sforza e la squadra del Lazio di Antonio Bernardi e Massimiliano Mossini, entrambi della Scuola Edile ESEF-CPT Frosinone.
Il premio speciale dedicato alla qualità e la sicurezza sul lavoro è andato al Friuli Venezia Giulia, in particolare alla squadra junior della Scuola Edile di Gorizia formata da Leonardo Bulfone e Thaqi Nuhi.

I vincitori si sono cimentati con due differenti manufatti altamente innovativi: una panchina rotonda in laterizio faccia vista, riservato agli junior, e un sistema di muratura dalle caratteristiche antisismiche innovative per i senior. Questo secondo manufatto prevede l’inserimento di giunti deformabili all’interno della muratura, atti a ridurre significativamente il danneggiamento del pannello murario dovuto alle deformazioni ad essa imposte dal telaio durante eventi sismici e a migliorare la risposta globale della struttura in cemento armato. Si tratta di un progetto ideato da un team di ricercatori dell’Università di Padova e da Andil nell’ambito del progetto europeo di ricerca Insysme (Innovative Systems for earthquake resistant masonry enclosures in rc buildings), che vede coinvolti enti, università e imprese di sette paesi della Comunità Europea e della Turchia. E’ uno dei tanti progetti internazionali portati avanti dal Formedil, come il programma Build up Skills I-Town, promosso per far crescere il livello delle costruzioni italiane e investire sul medio-lungo periodo nella costruzione di profili professionali in grado di raccogliere la sfida della sostenibilità ambientale ed energetica delle costruzioni.

Alla gara hanno partecipato 20 squadre selezionate dalle gare regionali e provinciali, 9 formate da muratori esperti e 11 di giovani per un totale di 40 operai dell’edilizia. Le migliori realizzazioni saranno donate a enti pubblici locali come iniziativa di solidarietà.
“Questo è un premio– ha commentato il dirigente della piattaforma SAIE di Bologna Fiere Bruno Zavaglia – che sancisce ogni volta con fierezza la grande professionalità dei nostri lavoratori provenienti dalla rete delle Scuole edili, da sempre in prima linea quando si parla di sicurezza e abilità. Anche in questa edizione la prova si è rivelata complessa e altamente innovativa, in linea con gli obiettivi di SAIE Smart House, il Salone dell’edilizia che da più di 50 anni costruisce, informa e diffonde sapere e conoscenza sui principali temi del mondo delle costruzioni.”

Anche quest’anno si conferma il successo della manifestazione che ha visto la partecipazione di gran parte d’Italia, ovvero lavoratori di 12 regioni per un coinvolgimento di 42 scuole per altrettante province. Il partecipante più anziano di questa edizione è Angelo Carta, sardo, classe 1951, il concorrente più giovane invece viene dalla scuola Edile di Torino e si chiama Riccardo Berbero (2000).

“Ediltrophy è stato un vero successo – afferma il Presidente del Formedil Massimo Calzoni. “Devo ringraziare per questo tutte le Scuole edili del territorio che, nonostante il momento di crisi, hanno saputo offrire un contributo professionale e culturale al futuro delle costruzioni in Italia. E’ un incentivo per noi a continuare a puntare sulla professionalità e sulla sicurezza, mantenendo sempre alti gli standard qualitativi della manodopera.”

Copyright © - Riproduzione riservata
Ediltrophy 2015: i muratori dell’anno vengono da Puglia e Veneto Edilone.it