Edilizia in Veneto: la crisi frena, aumentano le opere di manutenzione | Edilone.it

Edilizia in Veneto: la crisi frena, aumentano le opere di manutenzione

Il rapporto sul sistema costruzioni in Veneto dell'Ance regionale fotografa ancora un calo degli investimenti, seppur più contenuto. Per effetto del Piano Casa e del bonus fiscale aumentano le opere di manutenzione

La presentazione del Rapporto congiunturale di Ance Veneto. Al centro, il presidente Giovanni Salmistrari
La presentazione del Rapporto congiunturale di Ance Veneto. Al centro, il presidente Giovanni Salmistrari
image_pdf

Il settore delle costruzioni in Veneto inizia a vedere segni di rallentamento della crisi, sebbene per il 2015 le previsioni restino non certamente rosee. E’ prevista un’ulteriore riduzione degli investimenti del 2%, pari a circa 250 milioni di euro in termini assoluti. Questo calo, meno forte di quello degli anni passati, assume un valore meno allarmante se letto alla luce di altri elementi: l’aumento dei mutui erogati alle famiglie per l’acquisto di un’abitazione (+11,1% nel 2014), del numero di abitazioni comprate e vendute (+5%) e dei bandi di gara pubblici di taglio inferiore ai 50 milioni di euro (+15,2%). Indicatori, emersi dall’annuale rapporto sull’industria delle costruzioni di Ance Veneto, che fanno ben sperare sulla fine della crisi del settore entro il 2016.

A soffrire sono soprattutto le nuove costruzioni residenziali, che segneranno nel 2015 un calo degli investimenti del 7,1 per cento. Segno meno anche per le opere non residenziali, sia private che pubbliche, in diminuzione rispettivamente del 3 e del 3,4%. Invece, seguono un trend opposto gli investimenti in manutenzioni straordinarie e recupero (+2%), grazie all’effetto del Piano Casa e dei bonus fiscali sulle ristrutturazioni. Gli interventi sul “costruito” rappresentano ormai il 65% degli investimenti nel solo settore residenziale, e il 36,3% del valore complessivo degli investimenti in edilizia. Dato reso evidente anche dal calo dei permessi di costruire: dai 40.713 titoli rilasciati nel 2004 si è passati ai 9.494 del 2012 (-76,7%).

“È evidente che questi 8 anni di crisi, in cui il settore ha perso complessivamente 7 miliardi di investimenti e 75 mila occupati, sono stati un periodo di profonda trasformazione per il settore” commenta Giovanni Salmistrari, presidente di Ance Veneto. “Gli interventi di manutenzione, sia per il residenziale sia per il territorio, come la sicurezza idraulica, sono divenuti preponderanti. Siamo convinti che proprio la riattivazione dei piccoli cantieri, finalizzati alla rigenerazione urbana sostenibile e alla sicurezza del territorio, possano contribuire a recuperare il terreno perduto”.

Proprio rispetto a questi piccoli cantieri, l’Ance ha realizzato una ricognizione delle opere rapidamente cantierabili, ovvero in avanzato stato di progettazione, ma prive di finanziamento o il cui avvio è bloccato a causa del Patto di stabilità interno. Sarebbero 436 le opere ad alto “impatto sociale” – edifici scolastici (27%), opere di riqualificazione urbana (19%), manutenzione delle strade (11%) e mobilità urbana (10%) – che potrebbero sbloccare investimenti per 160 milioni di euro.

ance_veneto_1

Per finanziarli il Veneto potrà contare da qui al 2020 su 3 miliardi di fondi europei, dei quali 2,2 della nuova programmazione 2014-2030 e circa 730 milioni di quella 2007-2013. L’Europa ha dato proprio al tema delle politiche di rigenerazione urbana sostenibile un obiettivo prioritario di spesa. “Per usare i fondi in maniera efficiente occorre una governance regionale forte, perché la spesa non si perda in mille rivoli o investimenti non coordinati tra loro”, continua Salmistrari. “Come imprenditori non possiamo far a meno di notare che la spesa statale non è stata comunque virtuosa in questi anni e che alcune risorse possono essere ottenute da una razionalizzazione della spesa. In questi anni i comuni hanno aumentato le loro spese di gestione (+6% in Veneto, comunque più virtuoso rispetto al resto d’Italia +17%), pensando bene di tagliare solo la spesa per investimenti. Anche nella distribuzione delle risorse, dovrebbero essere inseriti criteri premiali per quegli enti locali che non sprecano”.

ance_veneto_2

L’analisi di Ance Veneto pone l’accento, infine, sulle ricadute occupazionali di un piano di piccole opere, che potrebbero arginare l’emergenza sociale: anche nel 2014 le ore lavorate sono infatti diminuite del 6,9% rispetto al 2013; gli operai iscritti hanno evidenziato una riduzione tendenziale del 8,3%, mentre il calo delle imprese si è attestato al 6,9%. Dal 2008 al 2014, in Veneto la contrazione ha raggiunto il 45,5% per le ore lavorate, il 40,4% per gli operai, il 36,9% per le imprese iscritte e addirittura il 74,5% per i prestiti concessi alle imprese. Complessivamente, gli occupati nelle costruzioni si sono ridotti di 74.600 unità, dei quali 49.400 lavoratori dipendenti e 25.200 lavoratori indipendenti.

Copyright © - Riproduzione riservata
Edilizia in Veneto: la crisi frena, aumentano le opere di manutenzione Edilone.it