Permesso di costruire: arriva il silenzio-assenso | Edilone.it

Permesso di costruire: arriva il silenzio-assenso

wpid-8832_progetto.jpg
image_pdf

Il costruttore che vuole avviare un progetto e invia una domanda per iniziare l’attività riceverà risposta entro 90 giorni, o 150 nelle città con più di 100mila abitanti o per progetti particolarmente complessi. Superato questo limite scatta il silenzio-assenso è sarà dunque legittimato a costruire. Questo provvedimento che coinvolge l’edilizia privata è una delle novità contenute nel decreto sviluppo, approvato giovedì scorso dal Consiglio dei ministri.

Per diventare definitivo il testo dovrà attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, prevista per giovedì, andando così a modificare il Testo Unico dell’edilizia e definendo una nuova procedura per il rilascio del titolo abilitativo.

La domanda deve essere presentata allo sportello unico dell’edilizia del Comune, allegando i documenti che provino la legittimità dell’intervento e gli elaborati progettuali richiesti dal regolamento edilizio. Il progettista deve inoltre assicurare la conformità del progetto agli strumenti urbanistici, alle norme antisismiche e a quelle in materia di efficienza energetica, di sicurezza e ai requisiti igienico sanitari.

Presentata la domanda, entro 10 giorni l’ufficio nomina un responsabile del procedimento che dovrà presentare la proposta di provvedimento entro 60 giorni, con una relazione tecnico-giuridica sull’intervento richiesto. Il responsabile può anche chiedere modifiche del progetto originario, lasciando 15 giorni di tempo al progettista per l’integrazione della documentazione.

Conclusa l’istruttoria il responsabile del procedimento deve adottare il provvedimento finale entro 30 giorni, se favorevole, o entro 40 giorni se contrario. Se tutto va come previsto, la pratica si chiude quindi in 90 giorni, o in 150-200 per i comuni con più di 100mila abitanti e per i progetti di particolare complessità.

Al decorrere di questi termini, se non arriva alcuna risposta, scatta il silenzio-assenso sulla domanda di permesso di costruire, a condizione che il responsabile dell’ufficio tecnico non opponga motivato diniego e che non sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Permesso di costruire: arriva il silenzio-assenso Edilone.it