L'attribuzione di rendita non e' retroattiva: Finmeccanica contro l'Agenzia del Territorio | Edilone.it

L’attribuzione di rendita non e’ retroattiva: Finmeccanica contro l’Agenzia del Territorio

wpid-415_renditacatastale.jpg
image_pdf

ENTE GIUDICANTE

Cassazione Civile III, [data-ud → 06/11/2012] [data-dep → 23/01/2013], n. 1594

PARTI IN CAUSA

Finmeccanica S.p.A. contro Agenzia del Territorio e altri

Massima: 

Gli atti attributivi o modificativi delle rendite catastali sono efficaci solo a decorrere dalla loro notificazione. La notifica in questione, dunque, è una mera condizione di efficacia, non rimanendo all’esito della medesima esclusa l’utilizzabilità della predetta rendita, una volta notificata, per le annualità di imposta sospese, ossia suscettibili di accertamento, di liquidazione o di rimborso. 

In definitiva, il legislatore non ha voluto restringere il potere di accertamento tributario al periodo successivo alla notificazione del classamento, ma piuttosto segnare il momento a partire dal quale l’Amministrazione comunale può richiedere l’applicazione della nuova rendita ed il contribuente può tutelare le sue ragioni contro di essa, non potendo confondersi l’efficacia della modifica della rendita catastale, coincidente con la notificazione dell’atto, con la sua applicabilità, che va riferita invece all’epoca della variazione materiale che ha portato alla modifica.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’attribuzione di rendita non e’ retroattiva: Finmeccanica contro l’Agenzia del Territorio Edilone.it