Natale a Murano: opere d'arte in vetro per stupire il mondo | Edilone.it

Natale a Murano: opere d’arte in vetro per stupire il mondo

wpid-MuranoLuminarieNatalizie.jpg
image_pdf

Murano ha deciso di stupire il mondo posizionando lungo le strade della piccola isola veneziana, quattro manufatti in vetro, unici al mondo per le dimensioni, ma soprattutto per l’arditezza delle creazioni, in occasione della seconda edizione di "Natale di vetro a Murano". L’iniziativa dà un’occasione per vivere e conoscere l’isola attraverso spettacoli, arte e cultura durante tutto il periodo delle feste.

Esili ramificazioni di vetro soffiato, che si ergeranno fino a sei metri di altezza, in una dimensione che sembra sfidare le leggi di gravità. Per quelli che vorranno carpire i segreti del vetro, ci sarà anche una performance dal vivo di musicisti (alcuni tra i più grandi solisti del jazz italiano) che accompagneranno con la loro musica i maestri vetrai. Uno spettacolo assoluto ed insolito, andato in scena l’8 dicembre scorso, le cui opere resteranno tuttavia visibili per tutto il mese di gennaio.

Le opere sono state posizionate in quattro differenti punti dell’isola, tanto da accogliere il visitatore e accompagnarlo in una simbolica visita attraverso l’arte del vetro soffiato e la sua storia. Ad accogliere il turista al suo sbarco dal vaporetto in piazzale Colonna c’è subito l’opera realizzata da Aristide Najean per la bottega d’arte Roscano di Gian Andrea Seguso. L’opera dal nome "Roveto Ardente", composta da 31 piastre, è alta 2 metri e 30 per 110 centimetri di diametro.
Imboccando poi Fondamenta Vetrai sulla sinistra si trova il suggestivo Campiello della Pescheria. Qui è esposta l’opera "Bamboo" proposta da Berengo Studio, realizzata da Pino Castagna. Si tratta di un maestoso "canneto" alto 5 metri e 80 centimetri, lungo 3 metri e largo 1 metro e 30 centimetri.
Quasi di fronte al Campiello della Pescheria si trova la piazzetta del Bressagio dove è posizionata la terza scultura, realizzata da Formia (Fornace Mian) dalla designer Denise Gemin, intitolata "Fuoco io son e son di soffio". Una scultura alta più di 2 metri per altrettanti di diametro.
Al termine di questa ipotetica passeggiata muranese si trova Campo S. Stefano dove è invece posizionata la scultura di Simone Cenedese "Natale di luce in una cometa di vetro", un’enorme stella di Natale, alta 6 metri per altrettanti di lunghezza.

Al progetto realizzativo hanno collaborato gli architetti Gianmarco Ferro, Alessio De Lazzari e Paolo Dedemo.

Simone Cenedese si ripresenta al pubblico "natalizio" dopo avere realizzato lo scorso anno l’albero di Natale in vetro più grande del mondo, alto più di 9 metri, che ha ottenuto un tale successo da diventare un simbolo dell’isola, che lo ha tenuto esposto fino al mese scorso.

Nella cerimonia di avvio dell’iniziativa "Natale di vetro" a Murano, in campo S. Stefano, si è tenuta l’inaugurazione ufficiale della "stella cometa" di Simone Cenedese e sono state mostrate al pubblico, attraverso un maxischermo, le altre sculture alla presenza degli artisti che le hanno realizzate. Alcuni maestri vetrai di Formia, coordinati da Patrizia Mian, hanno dato vita ad una performance dal titolo "Vetro è musica": un momento di grandissima suggestione in cui la lavorazione del vetro è stata accompagnata da un’esibizione dal vivo del gruppo jazzistico formato da Roberto G. Colombo alla chitarra, Alfredo Ferrario al clarinetto, Egidio Colombo chitarra e Roberto Piccolo al contrabbasso.

Il programma e tutte le informazioni dell’evento si possono consultare sul sito internet
http://www.nataledivetro.com

Scarica il programma:
nataledivetro.pdf

Copyright © - Riproduzione riservata
Natale a Murano: opere d’arte in vetro per stupire il mondo Edilone.it