Mega-terminal di Civitavecchia, nuova variante | Edilone.it

Mega-terminal di Civitavecchia, nuova variante

wpid-Porto-di-Civitavecchia-2.jpg
image_pdf

Moscherini annuncia che il 10 maggio la proposta sarà discussa in Comitato portuale. Il progetto prevede una cassa di colmata per i container a nord di Tvn: “Diventeremo il primo porto d’Italia”. il progetto di variante del Piano Regolatore Portuale finalizzato alla realizzazione di un mega terminal container a nord di Torre Valdaliga. Ad annunciarlo il commissario dell’Autorità Portuale Gianni Moscherini che spiega di augurarsi anche l’approvazione unanime di un progetto che potrebbe dare un impulso importante allo sviluppo dello scalo. “Secondo i nostri programmi – ha spiegato Moscherini – il porto di Civitavecchia entro 4 anni sarà il primo in Italia per capacità ricettiva in tutti i settori. Proprio per questo abbiamo redatto un progetto per la realizzazione di un mega terminal container da un milione di metri quadrati”. La soluzione tecnica proposta dall’Authority sarà la stessa adotatta per altre opere. Il fondale sarà dragato per aumentare il pescaggio fino a 22 metri (così da renderlo adatto per le navi di nuova costruzione) ed il materiale risultante sarà riversato in una cassa di colmata, che, una volta ricoperta, farà da base al terminal. “Questa opera – ha aggiunto il commissario – che sarà realizzata in circa 4 anni, ci permetterà di competere direttamente con porti del calibro di Barcellona, Valencia e Tangeri”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Mega-terminal di Civitavecchia, nuova variante Edilone.it