L'edilizia nel nuovo pacchetto eco-energetico del Governo | Edilone.it

L’edilizia nel nuovo pacchetto eco-energetico del Governo

wpid-costruzioni.jpg
image_pdf

Risparmiare energia e puntare sulle rinnovabili. Sono queste le ”necessità” sulle quali si basa il nuovo piano sull‘efficienza energetica, sulle rinnovabili e sull’eco industria, presentato il 19 febbraio u.s. dal premier Romano Prodi, dai ministri dello Sviluppo economico, Pierluigi Bersani, dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio e dal viceministro per l’Economia Vincenzo Visco.

Un impegno di 2-2,5 miliardi complessivi di incentivi da erogare in tre anni per il risparmio e l’efficienza energetica, che il Governo ha previsto di impiegare su due fronti di lavoro: uno sulla domanda e uno sull’offerta.

In linea generale, per quanto riguarda la domanda, diventano operativi i benefici previsti dalla finanziaria 2007, con l’emanazione dei decreti attuativi su:
riqualificazione degli edifici;
– efficienza nell’industria;
– mobilità sostenibile;
– incentivi al sistema agroenergetico;
– fondo di Kyoto.
Il pacchetto prevede anche incentivi al fotovoltaico;
– potenziamento dei certificati bianchi;
– revisione del meccanismo di incentivazione delle fonti rinnovabili;
– incentivazione della cogenerazione ad alto rendimento;
– impulso alla bioedilizia.

Sul fronte dell’offerta si punta invece allo sviluppo di una eco-industria.
italiana. Per raggiungere l’obiettivo il Governo finanzierà progetti industriali presentati dalle imprese per realizzare:
– investimenti industriali nel settore delle energie rinnovabili;
– investimenti volti alla riqualificazione di comparti industriali esistenti verso la fornitura di nuovi prodotti a basso impatto ambientale e capaci di consentire un risparmio di energia;
– investimenti industriali che innovano i processi produttivi in modo da ridurre l’intensità energetica delle lavorazioni.

Passando all’esame meno generale del Piano sull’efficienza energetica, che, secondo le spiegazioni fornite dal ministro Bersani – ”mette a sintesi misure previste in Finanziaria e altre contenuti in altri provvedimenti”, un primo decreto attuativo della Finanziaria riguarda la riqualificazione degli edifici, con l’innalzamento dal 36% al 55% della detrazione fiscale per interventi che consentono di ridurre le dispersioni termiche; per l’installazione di pannelli solari e per la sostituzione di vecchie caldaie con nuove ad alta efficienza. Restano al 36% le detrazioni per gli altri interventi di ristrutturazione.

Una seconda misura attuativa intende promuovere l’efficienza nell’industria con la detrazione fiscale del 20% per l’acquisto e l’installazione di motori elettrici trifase in bassa tensione ad elevata efficienza con potenza compresa tra 5 e 90 kW sia per nuova installazione sia per la sostituzione di vecchi. Stessa detrazione per l’acquisto e l’installazione di variatori di velocità di motori elettrici con potenze da 7,5 a 90 kW.
Il terzo decreto attuativo mira a incentivare la mobilità sostenibile attraverso la riduzione fiscale per il Gpl (-20%) , incentivi per creare un parco auto ecologico e diminuire l’inquinamento. Nei decreti attuativi sono altresì previsti incentivi al sistema agroenergetico stabilendo obiettivi di miscelazione obbligatoria di biocarburanti in crescita fino al 2010; riduzione della tassazione sul biodiesel e sul bioetanolo. Inoltre, con il Fondo Kyoto, sono stati assegnati 600milioni di euro per il triennio 2007-2009 in favore di misure di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra.

Alle misure su menzionate, già contenute in finanziaria ed ora operative con l’approvazione di tre decreti attuativi, il piano aggiunge la previsione di una serie di ulteriori provvedimenti. Tra questi, nuovi incentivi per il fotovoltaico con una procedura semplificata per diventare produttore, potenziamento del sistema del mercato degli attestati di risparmio energetico (certificati bianchi) così come di quello di incentivazione delle fonti rinnovabili (i cosiddetti certificati verdi), incentivi per la cogenerazione ad alto rendimento, provvedimenti per la bioedilizia. In relazione a quest’ultima, nel caso di nuove costruzioni, sono previste una serie di norme quali l’obbligo dell’installazione di pannelli solari, di un sistema di isolamento termico, dichiarazione obbligatoria di consumo energetico. Il ”certificato energetico” sarà obbligatorio da 1 luglio in tutte le compravendite immobiliari.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’edilizia nel nuovo pacchetto eco-energetico del Governo Edilone.it