La mano di Jean Nouvel a Siena come a Parigi | Edilone.it

La mano di Jean Nouvel a Siena come a Parigi

wpid-Philarmonie.jpg
image_pdf

Solo una settimana fa ha presentato a Parigi il progetto per la nuova ‘Philharmonie’, l’auditorium da 2400 posti, con una proiezione in 3d della struttura. Si tratta di una ‘collina’ di 36 metri, che dal 2012 accoglierà un variegato pubblico al Parc de la Villette, predisposta per tutte le forme musicali: sinfoniche, jazz, rock e pop. L’auditorium ospiterà inoltre esposizioni artistiche e sarà un luogo per passeggiare, leggere o incontrarsi.
Jean Nouvel, già progettista dell’Istituto del Mondo Arabo, della Fondation Cartier e del Museo du Quai Branly, aveva già realizzato nel 1998 l’auditorium di Lucerna, ritenuto dai musicisti un ‘capolavoro di acustica.
I lavori per il progetto del teatro, che prevede un tetto apribile e un prolungamento del parco sotto l’edifici, inizieranno solo nel 2009.

In Italia, Jean Nouvel ha altresì recentemente presentato un progetto di recupero dell’area ex Fabbrichina a Siena. Comprenderà circa 60 alloggi, 10 mila metri quadrati di attività commerciali e direzionali, una mediateca, un parcheggio interrato per circa 200 posti auto oltre che spazi verdi e pedonali, arricchiti da opere di artisti contemporanei come Sol Lewitt. Sono queste, in linee generali, le componenti dell’intervento di recupero dell’area ex ‘Fabbrichina a Colle Val D’Elsa, in provincia di Siena, il cui progetto è affidato all’architetto francese Jean Nouvel.

L’intervento, finalizzato al recupero dell’area industriale (composta dagli stabilimenti la Fabbrichina, la ciminiera e la Vulcania) ormai dismessa e posta in prossimità del centro della città bassa, si propone principalmente la realizzazione di un comparto urbano di elevata qualità con funzioni miste per un investimento complessivo di oltre 30 milioni di euro. Nelle scorse settimane è stato dato l’avvio alle opere di bonifica, urbanizzazione, realizzazione del primo edificio residenziale nuovo in prossimità della collina antistante l’area, nonché al recupero dell’ex opificio dell’azienda Vulcania con destinazione residenziale e commerciale. La realizzazione del progetto di riqualificazione è prevista per il quinquennio 2007-2012. Oltre a rappresentare un importante patrimonio per Colle di Val d’Elsa dal punto di vista economico (in quanto luogo d’origine della produzione del cristallo con il 24% di piombo che ha reso celebre Colle Val D’Elsa), il recupero dell’area della Fabbrichina svilupperà un punto nodale per lo smistamento del traffico cittadino. Prevista la ristrutturazione degli ex immobili artigianali, da riconvertire per ospitare servizi, negozi e residenze e servizi. Una serie di residenze di architettura contemporanea a valle della collina del Poggino, racchiuderà l’area di intervento attorno ad una zona pubblica completamente pedonale. Gli interventi di recupero dell’area saranno infine completati con la realizzazione della mediateca.

Il progetto d’intervento nella zona rientra nell’ambito del programma ‘Fabbrica Colle’, ampio intervento di riqualificazione urbana e di rivitalizzazione delle attività miste in atto a Colle di Val d’Elsa, strutturato in due fasi. La prima di esse riguarderà la bonifica di tutti i materiali abbandonati ed al consolidamento di una parte degli archi e della ciminiera.
Nella seconda fase, invece, saranno realizzati gli edifici abitativi, commerciali e sociali. Prevista anche la realizzazione di un parcheggio interrato, in parte pubblico, nello spazio antistante l’edificio dove si insedierà un supermercato. Nel complesso sono previsti 10500 mq di nuova residenza, 6800 mq di attività commerciali, 1240 mq di servizi pubblici, 4500 mq di parcheggi privati e 2500 mq di parcheggi pubblici e 5500 mq di verde pubblico.
Dalle vendite degli immobili si attende un ricavo di circa 50 milioni di euro mentre il valore delle opere di urbanizzazione da cedere gratuitamente al Comune è di 4 milioni di euro.

Per altre informazioni, consultare la sezione ‘news’ del sito:
http://www.jeannouvel.fr/

Copyright © - Riproduzione riservata
La mano di Jean Nouvel a Siena come a Parigi Edilone.it