Una centrale a ciclo combinato per Lodi | Edilone.it

Una centrale a ciclo combinato per Lodi

wpid-390_lodi.jpg
image_pdf

È stata inaugurata martedì a la nuova centrale a ciclo combinato di Bertonico-Turano Lodigiano (Lodi), caratterizzata da una potenza di circa 800 MW e in grado di produrre annualmente circa 2,5 miliardi di kilowattora di energia elettrica.

Realizzata da Sorgenia con un investimento complessivo effettuato da per la realizzazione dell’impianto, inclusi gli interventi in favore dell’ambiente e del territorio, di circa 450 milioni di euro. Situata nell’area di una ex raffineria, la centrale si estende su una superficie di 150.000 metri quadri ed è composta da due turbine alimentate a gas naturale e da una turbina a vapore.

L’impianto è dotato anche di una linea elettrica ad alta tensione di 1,6 km e di un metanodotto di 6 km per il collegamento alle reti nazionali. I lavori sono durati circa 24 mesi coinvolgendo, nei momenti di picco, oltre 800 persone e circa 30 aziende. Pur essendo caratterizzato da una elevata automazione, oggi l’impianto dà lavoro a circa 50 persone tra dipendenti e indotto.

La centrale di Bertonico-Turano Lodigiano è dotata di moderne tecnologie di produzione termoelettrica in termini di rendimento, compatibilità ambientale e sicurezza. Il rendimento medio, ovvero il tasso di conversione dell’energia chimica del combustibile in energia elettrica, è superiore al 57% rispetto a circa il 40% del termoelettrico tradizionale, mentre le emissioni di anidride carbonica e ossido di azoto sono inferiori rispettivamente di circa il 30% e il 70%.

La società, inoltre, ha fornito un sistema di monitoraggio della qualità dell’aria nelle zone limitrofe alla centrale che viene gestito dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpa). È stato infine avviato un monitoraggio acustico della zona ed è stata siglata una convenzione con la Provincia di Lodi e alcuni comuni della zona che prevede una serie di interventi a tutela dell’ambiente e a favore del territorio per un investimento complessivo di circa 25 milioni di euro.

In particolare, sono state realizzate le opere di urbanizzazione dell’area industriale in cui si inserisce la centrale – strade, illuminazione pubblica, fognature, impianto per il trattamento delle acque reflue e per il riutilizzo dell’acqua piovana – per un totale di circa 1 milione di metri quadrati. Intorno all’impianto saranno inoltre realizzati circa 50 ettari di bosco e 5 chilometri di piste ciclabili.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Una centrale a ciclo combinato per Lodi Edilone.it