Pannelli solari sulla Luna | Edilone.it

Pannelli solari sulla Luna

wpid-291_mruyyu.jpg
image_pdf

Verrà dallo spazio l’energia per illuminare le nostre case. È il proposito di una compagnia giapponese, che ha lanciato in questi mesi un innovativo progetto per sfruttare l’energia solare.

L’idea è della Shimidzu, che pensa mettere sulla Luna una “cintura di pannelli lungo tutto l’equatore, da cui l’energia verrebbe “spedita sulla Terra attraverso le microonde o il laser. La compagnia propone di partire con una piccola fascia di pannelli lunga 400 chilometri, da ampliare poi man mano grazie al lavoro di robot che operano direttamente sul suolo lunare sfruttando le risorse naturali del nostro satellite.

L’invio dell’energia, che avrebbe il vantaggio di essere prodotta per 24 ore al giorno senza problemi di nuvole o notte, sarebbe affidato a un’antenna di 20 chilometri di diametro guidata da un laser che eviterebbe di colpire “obiettivi” diversi dai ricevitori posti sulla Terra.

Secondo il progetto, una centrale simile fornirebbe elettricità sufficiente a tutto il pianeta, con l’unico problema i tempi di realizzazione, stimati intorno ai 100 anni. In molto meno tempo invece, circa 30 anni, si potrebbero avere delle centrali solari nello spazio vicino alla Terra. A realizzarle un consorzio, sempre nipponico, che ha già pianificato di investire nel progetto 21 miliardi di dollari. Anche in questo caso le centrali manderebbero l’energia sulla Terra sotto forma di un raggio di microonde.

”Sono progetti molto futuristici, che però hanno come minimo il problema dei costi – afferma Mauro Vignolini, esperto di energia solare dell’Enea – portare il materiale nello spazio e spedire l’energia sulla Terra avrebbero costi altissimi, mentre la tendenza attuale è ridurre le spese per far diventare l’energia solare una seria alternativa alle fonti fossili”.


Copyright © - Riproduzione riservata
Pannelli solari sulla Luna Edilone.it